Aggressione Dirigenti Verona, comunicato Presidente Setti

Ha parlato, attraverso il sito ufficiale dell’Hellas Verona, il presidente Maurizio Setti a seguito del brutto episodio avvenuto prima della sfida dello Stadio Partenio, vinta dall’Avellino per 2-0, che lo ha visto coinvolto, oltre al patron gialloblù, anche il direttore sportivo, non che ex giocatore del Verona, Luca Toni.

Queste sono state le sue dichiarazioni in merito all’episodio: “In questo momento provo molta delusione e profonda tristezza. Non possono ancora accadere questi episodi di violenza nel 2017. Per puro caso non è stato recato nessun danno a persone. Poteva andare davvero molto peggio. Mentre stavamo andando allo stadio, un gruppo di circa una ventina di persone, hanno preso la macchina a calci e pugni, rompendo il vetro affianco a cui ero seduto con schegge che sono arrivate all’interno dell’auto e hanno lanciato con forza una bottiglia di birra che, per fortuna ha colpito la pancia e non la faccia. Abbiamo passato, veramente attimi di terrore e la persona che guidava è stata davvero brava a sfuggire via dall’auto e dalla folla”.

Inoltre ha parlato anche del mancato intervento dei vigili: “Erano molto vicini alla nostra macchina e non sono intervenuti. Questo sarà motivo di un’indagine che si porterà avanti, facendo chiarezza anche sulle immagini catturate delle telecamere di sorveglianza. Questa non vuole essere affatto una condanna a chi doveva intervenire e non lo ha fatto, perché il vero fatto grave è stato quello dell’aggressione. Dico tutto affinché non verrà fuori la verità. Il comunicato fatto dal Comandante dei Vigili Urbani di Avellino ci ha davvero lasciato basiti ed amareggiati, in quanto anziché sminuire tutto ciò che è successo, ha messo in dubbio le parole delle vittime dell’agguato. Ci saremo aspettati, da parte sua, una coscienza diversa”.

Inoltre ha voluto porgere un ringraziamento alla società U.S. Avellino: “A margine di tutto ciò che è accaduto, volevo ringraziare il presidente Walter Taccone e tutta la società per la disponibilità e la vicinanza non soltanto per l’aggressione subita, ma anche per il supporto che riguarda l’episodio dell’infortunio di Romulo”.