Angiulli, Herrera, Pape Dia e Massimo aspettano l’esordio in B

L’Avellino di mister Rastelli è partito alla grande in campionato. I lupi hanno ottenuto 4 punti nelle prime due gare con due ottime prestazioni. Sia in casa contro il Novara che a Latina, la compagine biancoverde ha fatto vedere di essere un’ottima squadra e con una buona manovra di gioco. Il dato che più risalta è l’impiego dei calciatori da parte del tecnico biancoverde. Oltre alla squadra tipo esordio per i nuovi Soncin e Peccarisi e già due gettoni per  Ciccio Millesi e Angelo D’Angelo. Molti giovani talenti in rosa, su cui la società punta moltissimo, sono ancora in attesa del debutto nel campionato cadetto. Calciatori come Angiulli, Pape Dia, Herrera e Massimo scalpitano per giocarsi le proprie chance.

Massimo Rastelli allenatore AvellinoRastelli nella scorsa stagione ha costruito la promozione puntando molto sul giusto mix tra calciatori esperti e giovani. Tanti i nomi circolati negli ultimi giorni di calciomercato per rinforzare la rosa. La società però è stata chiara, si punterà molto sui giovani in rosa perchè hanno talento e possono già competere a questi livelli. Uno dei più talentuosi è senza ombra di dubbio il centrocampista classe ’92 Federico Angiulli che giorno dopo giorno si sta allenando duramente per convincere il mister a fallo giocare. La scora estate il diesse De Vito  è riuscito a strapparlo a costo zero dalla concorrenza di formazioni importanti che militano anche in massima serie. Svincolato dal Pergocrema, in un anno all’ombra del Partenio-Lombardi è diventato uno dei leader della squadra, rappresentando oggi un piccolo tesoro per il club di Walter Taccone. Il calciatore milanese ha ricevuto ampie garanzie dalla dirigenza biancoverde, sia per il presente che per il futuro. Si di lui mister Rastelli punta molto, nonostante la giovane età ha già dimostrato di essere un calciatore maturo e pieno di talento. Dal canto suo il “Fez” ha ancora voglia di dare tanto alla causa biancoverde anche in serie B. Il suo debutto è solo questione di tempo, sarà sicuramente un’arma in più per Rastelli.

emiliano massimo avellino

Un altro talento dell’Avellino è il fantasista Emiliano Massimo. Il centrocampista classe ’89 ha dimostrato nelle amichevoli precampionato di avere piedi vellutati e di essere il degno sostituto di Romulo Togni. Il suo percorso di crescita sta proseguendo sotto le direttive di mister Rastelli. Il tecnico biancoverde ha però ancora qualche perplessità sulla tenuta del giovane calciatore, tanto da preferigli, in quel di Latina, D’Angelo per sostituire l’infortunato Togni. In molti lo vedono come un calciatore di prospettiva, magari con un pò di fiducia in più potrà dimostrare tutto il suo talento. Gli altri giovani in rosa ancora in cerca del debutto in Serie B sono Pape Dia ed Erik Herrera. L’ex Primavera dell’Udinese ha ancora molto da dimostrare per convincere il tecnico biancoverde. Discreto nella fase offensiva ma in quella difensiva il tecnico irpino pretende ancora molto prima di dare un chance al calciatore senegalese. Per quanto riguarda il paraguaiano Herrera, ormai abbiamo imparato a conoscerlo negli ultimi anni. Tanta corsa, rapidità e grande spirito di sacrificio ma tatticamente ancora non ci siamo, ci sarà modo e tempo per migliorare e scendere in campo.

Leggi anche –> Avellino-Ternana, l’ultimo precedente al Partenio (video)

Leggi anche –> Serie B, Avellino-Ternana: le info sui biglietti

Leggi anche –> Avellino 2013-2014, Federico Angiulli: “Questa maglia? La mia seconda pelle”