Ascoli-Avellino: per i marchigiani due vittorie nel girone di ritorno

E la vittoria manca alla squadra di Aglietti da sei turni

Quello tra Ascoli ed Avellino, in programma domani pomeriggio in terra marchigiana, può essere definito uno scontro salvezza vista la classifica delle due squadre. L’Ascoli però è in una situazione peggiore: sia per i quattro punti in meno in classifica rispetto all’Avellino, sia per il girone di ritorno piuttosto negativo della squadra di Aglietti.

Infatti dal giro di boa la squadra bianconera ha collezionato solamente due vittorie: 3-0 alla Pro Vercelli nella gara recuperata il 14 febbraio (valevole per la prima di ritorno) e 2-1 al Cittadella lo scorso 18 marzo. Entrambi i successi sono arrivati in casa; ma dallo scontro con i veneti, l’Ascoli ha poi raccolto tre sconfitte e tre pareggi.

Prima infatti sono arrivate le battute d’arresto contro Salernitana, Carpi e Entella: poi tre pareggi contro Frosinone, Perugia e Brescia, quest’ultimo sabato scorso. Una striscia per niente positiva, dunque, che ha fatto scivolare la squadra nelle zone pericolose (solo due i punti di vantaggio sul Brescia quint’ultimo) e che sta causando molto malumore nella piazza, tanto che la dirigenza ascolana ha cercato oggi di ricompattare l’ambiente invitando i tifosi a restare vicini alla squadra.

Domani per l’Avellino sarà quindi una gara non facile, in un ambiente abbastanza caldo. La squadra di Novellino non dovrà però farsi intimorire dal clima del “Del Duca”, perché è d’obbligo un risultato positivo prima del trittico infernale con Benevento, Bari e Salernitana. Se poi arrivasse addirittura una vittoria, allora la salvezza sarebbe praticamente in tasca per la squadra biancoverde, che salirebbe a quota 48 punti in classifica, media delle ultime quattro-cinque stagioni sufficiente per la permanenza in B.