Avellinesi in Italia: lettera di un tifoso biancoverde a Treviso

L’Avellino vanta un enorme numero di tifosi non solo all’interno della provincia irpina ma anche in tutta la penisola italiana, dove sono tanti gli avellinesi costretti ad “espatriare” per motivi di lavoro e quant’altro. Oltre ai nuclei del tifo biancoverde già ben noti, come quello di Roma o di Milano, che chiaramente raccolgono tifosi anche delle regioni Lazio e Lombardia, vi sono anche esponenti del tifo avellinese in Veneto ed in particolar modo in quel di Treviso.

A conferma dunque delle emozioni che dà l’essere irpino e sostenitore dell’Avellino, i tifosi biancoverdi anche lontano dal luogo di origine non dimenticano mai la propria fede, a maggior ragione nel caso di questo campionato in cui i Lupi stanno percorrendo tutta l’Italia, dando modo a tutti i lontani di seguirne qualche partita.

In un messaggio giunto alla nostra redazione ecco le emozionanti parole di un tifoso, Giuseppe, avellinese ma residente da anni a Treviso, il quale testimonia non solo il suo amore per i colori biancoverdi, ma anche la simpatia che essi nutrono all’interno dell’Italia:

“Vivo in provincia di Treviso da 14 anni ma sono avellinese D.O.C.Seguo il ”lupo” da qui e non sono mancato alla trasferta di cittadella vista la vicinanza, e non mancherò alle partite che si giocheranno in zona, lavoro permettendo.

Qui ho conosciuto tante persone ormai e mi sono ambientato bene, ma la cosa che mi sorprende e mi ha sorpreso, è stata di trovare trevigiani e veneziani, di chiare origini NON di Avellino, e sottolineo NON, che simpatizzano e fanno il tifo per il lupo. Immaginatevi la mia soddisfazione.

Alle volte guardiamo la partita in tv insieme, e non lo nego, in alcuni casi, inquadrando la Sud che inneggia all’Avellino, mi sono commosso e gli amici del nord mi hanno dato uno stimolo maggiore ad amare di più i mie colori, facendomi chiaramente capire che per certi versi mi invidiavano, perchè infondo, loro non hanno mai visto il ”Partenio-Lombardi” dal vivo e capivano l’amore che io provo per la mia terra e la mia squadra.

Ci tengo inoltre a sottolineare che la SUD sta dando esempio di civiltà e grande cuore ogni volta che l’Avellino scende in campo, in casa e fuori. Il calcio è anche questo; rispetto e amicizia con tutti…..anche con gli acerrimi rivali…sempre nel rispetto della civiltà….perchè in fondo la soddisfazione più grande è batterli in campo.”

Leggi anche -> Spezia-Avellino: ecco le probabili formazioni

Leggi anche -> Spezia-Avellino, mister Rastelli pensa alla salvezza