Avellino 2014/2015, incognita Togni: resta o se ne va?

Come ogni squadra che si rispetti, anche l’Avellino ha il suo “caso” di calciomercato. Stiamo parlando di Romulo Togni, l’acquisto più importante dello scorso mercato, rivelatosi poi la delusione dell’anno. Uno dei pochissimi errori di mercato commessi da Enzo De Vito negli ultimi anni. Certo, c’è l’attenuante dell’ infortunio e dell’esplosione del trio Schiavon-D’Angelo-Arini che lo ha estromesso dalla formazione base, ma nessuno, al momento del suo ingaggio in biancoverde, avrebbe previsto per un giocatore proveniente dalla Serie A e destinato a far compiere il salto di qualità alla squadra, 13 presenze con zero goal. Inoltre le parole di Rastelli, che un mese fa ha dichiarato di voler proseguire con il 3-5-2, non sembrano certo di buon auspicio per il brasiliano classe 1982.

Adesso la società vorrebbe liberarsene, ma in virtù anche del suo ingaggio molto oneroso, non sembrano molte le sue pretendenti. Difficile anche la risoluzione del contratto con buonuscita, perché difficilmente questa opzione sarebbe accettata dal calciatore, cha ha ancora un anno di contratto. Dunque, sono tre al momento le ipotesi plausibili. La prima è di rimanere ad Avellino, consapevole però che dovrà guadagnarsi il posto in squadra; la seconda, di essere ceduto in prestito (si era parlato di Perugia e Virtus Entella) e la terza, quella più difficile, cioè che si trasferisca definitivamente, probabilmente gli ultimi giorni di mercato quando i prezzi saranno più accessibili.

Leggi anche –> Asse Avellino-Milan, oltre ad Ely e Comi anche Vergara?

Leggi anche –> Avellino, per Federico Angiulli rinnovo o cessione?