Avellino 2016-17, Taccone: “Punteremo sui giovani”

Il Presidente dell’Avellino, Walter Taccone ha rilasciato un’intervista ai microfoni di AvellinoTv, affrontando l’argomento futuro della squadra.

Ecco le sue parole: “Tesser è un gran signore ed un ottimo allenatore, per la sua permanenza devo prima parlare con Gubitosa e i miei Direttori. Da Presidente del cul, dico che si doveva puntare ai play-off, questo era l’obiettivo di inizio anno. La prossima stagione decideremo all’inizio quale obiettivo raggiungere e già dico che l’anno prossimo si punterà alla permanenza in Serie B, puntando su un progetto fatto di giovani da poter valorizzare. Il primo è Stephane Omeonga, che è già nostro. Ha firmato un contratto di quattro anni. E’ inutile soffermarci sui giocatori di nome. In passato abbiamo preso Correa, Togni, Soncin e Tavano: siamo sfortunati con i grandi nomi. Toscano? Ho letto il suo nome sui giornali, ma per ora siamo a un semplice pour-parler.”

Sulla rosa della prossima stagione: “Biraschi credo che resti a meno che non si faccia abbindolare come Trotta dalla Serie A e poi ci vuole un’offerta importante per portarlo via da qui. De Vito? Per me è un figlio e può andare via solo se io non sarò più Presidente e gli ofriranno un contratto faraonico.”

Rispetto al nuovo Partenio-Lombardi: “Con questa amministrazione comunale che non fa una delibera dopo un anno, dove vogliamo andare? Per costruire il nuovo stadio oltre all’Avellino devono concorrere altre componenti, oltre alla nostra società. Vogliamo uno stadio nuovo con un’impianto dove possano giocare dalla prima squadra alle giovanili.”

Infine Taccone chiude sul settore giovanile: “Le cose non sono andate bene, il Comune di Lacedonia ci ha accolto bene ma non si è occupato dei ragazzi, pur avendo detto che se ne sarebbero occupati loro. Non posso pensare che io e De Vito verremo deferiti per una questione in cui non centriamo niente.”

Leggi anche: