Avellino ai Playoff? Differenze e Similitudini con la Stagione 2013-2014

L’Avellino si ritrova, a distanza di (quasi) un anno, a sei giornate dalla fine del campionato nella stessa situazione: in lotta per l’accesso ai play-off insieme ad un numero consistente di avversari. Tuttavia rispetto alla passata stagione ci sono differenze non trascurabili dal punto di vista della classifica e del morale. Partiamo da questo aspetto che è, sicuramente, l’aspetto più negativo per la piazza di Avellino e per la squadra di mister Rastelli. La 36ª giornata della stagione passata regalò ai Lupi un successo importante per la corsa (poi finita male) per l’accesso alla fase degli spareggi: l’Avellino, infatti, vinse contro il Crotone al “Partenio-Lombardi” in un match teso disputato in condizioni climatiche difficili. Il morale, quindi, dopo questa giornata era da definirsi positivo e di speranza a differenza di quest’anno, come testimonia la contestazione subita dalla squadra sia ieri, dopo il pareggio contro il Varese, sia oggi, durante l’allenamento.

Parliamo ora delle differenze dal punto di vista della classifica. La situazione è simile ma non uguale rispetto allo scorso anno e ci sono alcuni aspetti, non banali, che potrebbero far sperare bene i tifosi biancoverdi. Nella stagione 2013/2014 la truppa di mister Rastelli aveva 52 punti ed occupava la 7ª posizione in compagnia di Cesena e Trapani, posizione che però, per effetto della classifica avulsa, si trasformava in 9ª. Il che significava niente play-off. Lo scorso anno la classifica era molto più corta: basti pensare che tra il Latina terzo in classifica e il Brescia che occupava la 13ª posizione vi erano solo 8 punti di distacco e che lo stesso Brescia aveva 3 miseri punti a separarlo dall’ultimo posto disponibile per gli spareggi. Quest’anno le cose vanno diversamente: prima di tutto l’Avellino è, in questo momento, 6ª in classifica e, dunque, dentro ai play-off, mentre per quanto riguarda la classifica le uniche squadre escluse dai play-off che possono ambire ad essi sono lo Spezia ed il Lanciano.

Da questi numeri ognuno può trarre le conclusioni che vuole però ci sono dati innegabili: l’anno scorso, di questi tempi, l’Avellino era fuori dai play-off e così fu anche alla fine della stagione; quest’anno, invece, i Lupi sono dentro e hanno tutte le possibilità per terminare così il campionato. La compagine di mister Rastelli deve ritrovare la grinta che l’ha sempre contraddistinta a partire dal match casalingo contro la Virtus Entella di sabato.

Leggi anche: