Avellino-Brindisi 83-81all’Overtime: la Sidigas deve vincerla due volte

L’ex di turno, Adrian Banks, chiude una clamorosa rimonta dell’Enel Brindisi con un canestro sulla sirena che porta le due squadre all’overtime. Lo stesso Banks, alla fine dei 5 minuti supplementari, “regalala vittoria alla Sidigas sbagliando i liberi che avrebbero portato a un nuovo pareggio.

La Scandone ringrazia, vince – pur senza Green e Pini – per 83 a 81, e guadagna due punti preziosi nella corsa alle Final Eight. Una Scandone che ha condotto per l’intera partita, toccando addirittura il +14 a inizio ultimo quarto, ma – da quel momento – sono riemersi vecchi fantasmi: Brindisi rientra e, come già successo in passato, c’è stato il rischio di perdere la partita all’ultimo tiro. Nel supplementare, poi, la Sidigas è stata brava a non subire psicologicamente il colpo infertole dai Brindisini con la clamorosa rimonta, e finalmente porta a casa una partita punto a punto.

Ancora una volta, il finale non è favorevole alla Sidigas: qualche tiro forzato, qualche persa, ed ecco gli uomini di coach Bucchi che rientrano. Mai come stavolta, la stanchezza l’ha fatta da padrona: data l’assenza di Green, tutto il quintetto titolare – escluso Cervi – ha giocato almeno 34 minuti, e Buva – dalla panchina – è stato in campo per  33. Un sacrificio obbligato, che fa dimenticare – almeno per oggi – le pecche nel gioco della Sidigas, la quale anche stavolta accusa un crollo, salvandosi grazie a una grande personalità e – perché no?! – un po’ di fortuna.

La prossima settimana si va a Bologna: servirà confermare quanto di buono si è visto contro Brindisi. Che sia finalmente la volta buona?

PAGELLE SIDIGAS AVELLINO ENEL BRINDISI :

Veikalas 7.5: a volte, difensivamente si fa trovare impreparato. Il suo apporto offensivo, però, è fondamentale per la vittoria. Chiude con 19 punti, frutto di un 8/13 dal campo. Ed è forse la nota più lieta di questa vittoria: dopo le difficoltà iniziali, i problemi familiari, sembra essere tornato quello del pre-campionato.
Acker 7: siamo ormai abituati a vederlo sacrificato in cabina di regia, anche con risultati spesso convincenti. Stavolta si supera: chiude con 11 punti, 5 rimbalzi, 3 assist e 1 persa. Il suo plus-minus è il più alto della squadra (+10): abbiamo trovato il nostro nuovo floor general?!
Leunen 7: 6 punti, 8 rimbalzi, 6 assist. In una partita in cui Cervi è stato limitato dai falli, e c’è stata carenza in materia di playmaking, si è dimostrato il valore aggiunto della squadra. Potrebbe dare di più offensivamente, ma – per stavolta – va bene anche così.
Cervi 5: messo subito fuori gioco dai due falli dopo due minuti, non riesce ad avere il giusto impatto sulla partita.
Severini 6: solito, grande cuore in difesa, ancora un po’ timido in attacco. Con Green fuori gioco, il minutaggio è in aumento, la fiducia anche.
Nunnally 8: in difesa, ha ancora delle lacune, ma – offensivamente – sa essere un vero e proprio incubo per le difese avversarie: 24 punti, 10/18 al tiro, 5 rimbalzi, 4 assist, 3 recuperi in ben 43 minuti.
Buva 7: sempre più in fiducia, i compagni lo cercano e lui si fa trovare pronto. Nonostante il 7/18 dal campo, è tra i migliori della squadra. Raccoglie anche 9 rimbalzi.
Blums 6: solo 3 punti, con 1/5 dal campo e nessuna tripla segnata. Tuttavia, è in grado di capire il momento di difficoltà della squadra come solo un veterano del suo calibro sa fare, e si mette al servizio dei biancoverdi, gestendo anche alcuni possessi.

TUTTE LE PILLOLE DI ENZO

TUTTO SULLA SCANDONE AVELLINO