Avellino-Carpi 1-0, Pagelle: Ardemagni spreca, Perrotta fa impazzire il Partenio

L’Avellino vince anche contro il Carpi in casa e guadagna tre punti fondamentali in vista anche della futura penalizzazione. Partita non facile che, dopo il rigore sbagliato, era molto difficile da sbloccare. Ci pensa Perrotta, dopo una buona gara, a segnare in spaccata l’uno a zero. Bene tutta la difesa mentre in avanti manca lucidità.

Radunovic 7 – La miglior parata nella ripresa quando, con i piedi, ferma Lasagna solo davanti a lui. Ma non é l’unica parata importante;

Gonzalez 6 – Primo tempo più d’attesa che di spinta. Esce quando Novellino vuole una squadra più offensiva.

Migliorini 6,5 – Ancora una volta condensato ed ancora molto positiva la sua prestazione. Non concede molto spazio a Mbakogu prima e Beretta poi.

Djimsiti 7 – Se gioca a questi livelli, in Serie B può fermare chiunque. Gli attaccanti del Carpi preferiscono stargli lontano. Ferma Letizia lanciato a tutto campo in inferiorità numerica.

Perrotta 7,5 – Un punto in più per il gol decisivo che vale tre punti ai lupi. La prestazione era da un abbondante 6,5, grazie all’attenta copertura e la buona spinta, oltre che il rigore procurato ad inizio partita. Poi nel finale la gioia che fa esplodere lo stadio.

Laverone 6,5 – Da esterno da centrocampo sfrutta tutte le sue caratteristiche offensive. Non si risparmia anche quando da terzino deve partire da più lontano.

Omeonga 6 – Alterna buone giocate sia di qualità che di quantità, ad alcuni errori banali. Ma tutto sommato prova sufficiente.

Moretti 6 – Solite geometrie, forse con un po’ di dinamismo in meno. Ma la sua presenza si nota sempre.

D’Angelo 6 – Tanta, tantissima corsa in mezzo al campo o sulle fasce, ma manca qualcosa, forse pecca di brillantezza.

Eusepi 5,5 – L’unica occasione se la crea a fine primo tempo quando si gira bene e cerca il tiro sul primo palo. Ma non è molto continuo durante la partita.

Ardemagni 5 – Sul voto pesa molto l’errore dal dischetto che dopo tre minuti poteva indirizzare bene la gara. Lotta come sempre anche se spesso raddoppiato, finisce troppe volte in fuorigioco.

Bidaoui 6 – Viene cercato spesso dai compagni sulla sinistra. Parte sempre per puntare l’uomo ma non sempre é efficace.

Lasik 6,5 – Entra in partita senza incidere troppo ma quando colpisce di testa verso Perrotta a 30 secondi dalla fine, é decisivo nell’azione del gol.

Castaldo sv

All. Novellino 7 – Sveglie una squadra ordinata nel primo tempo ma nella ripresa si scopre con Bidaoui. Combatte punto a punto con una squadra di livello superiore e alla fine ha ragione lui. Sempre più capo popolo di una società e una tifoseria che stravede per lui.