Avellino-Carpi: alla scoperta dei prossimi avversari dei lupi

Il prossimo turno è ormai alle porte ed offre una sfida molto interessante: l’Avellino guidato da mister Rastelli si troverà di fronte la matricola Carpi, alla sua prima storica apparizione nel campionato cadetto. Match importante per entrambe le squadre, l’Avellino ha il dovere di rialzarsi dopo la sciagurata trasferta in terra senese, mentre gli emiliani sono intenzionati ad allungare la striscia positiva dopo l’eccellente successo ottenuto sul Novara nell’ultimo turno. Andiamo ora a scoprire il prossimo sfidante di Castaldo&Soci.

Castaldo-esultaLA STORIA – La squadra carpigiana nasce nella lontana estate del 1909, quando lo studente Adolfo Fanconi, di ritorno da un collegio svizzero, rimane innamorato dal fascino del pallone di cuoio. Un nome al club viene subito dato: JUCUNDITAS (giocondità), ad indicare la gioiosa e sana pratica sportiva d’un gioco che ha vita all’aria aperta come il calcio. Il nome sociale viene poi modificato in FC Carpi 1909.  E’ negli anni ’90 che i tifosi biancorossi vivono momenti particolarmente esaltanti: la loro squadra del cuore, dopo innumerevoli anni trascorsi nelle serie inferiori, riesce a guadagnare la promozione in C1, restandoci per ben dieci anni,  a seguito di ottime salvezze conseguite sul campo. Ma il miracolo che ha mandato in estasi i simpatici tifosi emiliani è avvenuto lo scorso anno, la squadra ha disputo un torneo al di sopra di ogni più rosea aspettativa, raggiunge i play off ed è capace di battere il quotatissimo Lecce, volando per la prima volta nella sua storia in Serie B.

CURIOSITA’ – Nella galleria dei personaggi del calcio carpigiano, un posto di spicco spetta a Bigin, portierone del Carpi per antonomasia. Ha militato nella squadra per oltre venti anni, disputando qualcosa come 500 – 600 gare tra ufficiali ed amichevoli. Vero esempio di serietà sportiva ed attaccamento ai colori sociali, simbolo di un calcio fatto di uomini veri e bandiere che ormai non c’è più.

LA SQUADRA – Il prossimo match non sarà affatto semplice per i Lupi irpini, si va, infatti, ad affrontare un avversario che si presenterà al Partenio – Lombardi con l’entusiasmo a mille. Gli uomini capeggiati da mister Stefano Vecchi hanno dimostrato di essere all’altezza della categoria (basti pensare all’ultimo successo in campionato sul quotato Novara per una rete a zero) e basano la loro forza su un interessante mix di calciatori esperti e giovani di belle speranze. Partiamo dalla difesa: tra i pali troviamo quel Timothy Nocchi di cui si dice un gran bene, a lungo seguito da De Vito nella sessione del mercato estivo. Sempre in questa zona del campo, Castaldo e compagni dovranno vedersela col classe ’80 Pesoli (ex Siena) e col giovane Simone Romagnoli, già protagonista nel Pescara di Zeman, capace di compiere la cavalcata verso la Serie A.

Filippo Porcari

A centrocampo troviamo un ex che ad Avellino ha lasciato un ottimo ricordo: Filippo Porcari. Lanciato nel calcio che conta proprio dall’Avellino, il giovane di Fidenza si spinge fino alla Serie A, giocata con continuità con i piemontesi del Novara. L’attacco del Carpi e tutt’altro che da sottovalutare, troviamo un vero e proprio volpone della categoria come Alessandro Sgrigna, che è stato il match winner nell’ultimo incontro disputato dai ragazzi di Vecchi.  Fabbro e i suoi dovranno prestare attenzione anche all’albanese Edgar Çani, indiscusso valore aggiunto per la categoria.

Il prossimo sarà sicuramente un match da vivere con grande intensità, entrambe le squadre daranno tutto per ottenere l’intera posta in palio. A noi, non resta che attendere l’arrivo di sabato, quando i Lupi scenderanno in campo con la solita determinazione e dedizione che ha contraddistinto questo inizio di stagione.

Leggi anche –> Avellino, in 15 giorni tre sfide delicate per i biancoverdi
Leggi anche –> Avellino-Carpi, tifosi a La Mezcla nel pre-partita
Leggi anche –> Avellino-Carpi, diretta tv al Reef per l’Avellino Club Milano
Leggi anche –> Avellino-Carpi: Porcari torna al Partenio da avversario
Leggi anche –> Serie B, Carpi-Novara 1-0: decisiva una prodezza di Sgrigna

TUTTE LE NOTIZIE SU AVELLINO-CARPI