Avellino-Cesena, Novellino: “Parlerò con il presidente a salvezza raggiunta”

Il tecnico irpino ancora non si sbilancia sul futuro

“Parlerò con il presidente a salvezza raggiunta”. Così Walter Novellino nella conferenza stampa di vigilia di Avellino-Cesena, gara valevole per la 37esima giornata di Serie B, rispondendo a una domanda sul futuro. Il tecnico ha ovviamente parlato anche della gara di domani, con molti giocatori a rischio forfait. Ecco le sue parole:

“Dobbiamo cercare di giocare con molta razionalità, è una squadra che sta bene, ma anche noi stiamo bene”, esordisce. Sui numerosi infortunati: “Paghera ha fatto un ecografia e sta bene, Djimsiti ha un problema influenzale e Jidayi ha una botta, mentre Migliorini è out. Ma dobbiamo sapere affrontare la partita con cattiveria e attenzione, con quella rabbia che serve nel rush finale. Sono convinto che chi giocherà farà bene”.

Gli chiedono del suo futuro, con i tifosi che vogliono la sua riconferma: “Intanto io ad Avellino sto bene e amo questa società e questa città, ho sempre detto che parlerò con il presidente a salvezza raggiunta, non voglio condizionare nessuno. Il mio obiettivo era tirare fuori la squadra, non sono in cerca di contratti”

Sulla formazione che scenderà in campo domani: “Per Paghera dobbiamo avere l’ok dal dottore, non voglio rischiare, anche se lui vuole giocare, come tutti del resto. Su Castaldo e Verde devo valutare, lo farò stasera, anche se pure Bidaoui è tornato il giocatore che piace a me, anche Belloni è un po’ sacrificato in questo momento, comunque domani ci sarà bisogno di tutti”

Un giornalista afferma che ha compiuto un miracolo, considerando la squadra di inizio campionato molto scarsa. Ribatte: “Il miracolo non è Novellino, sono gli stessi calciatori che lo hanno fatto. Erano in un tunnel molto buio, forse questa squadra era stata giudicata troppo in fretta, ora hanno avuto la possibilità di crescere”.