Avellino-Foggia, Puleo: “Avellino squadra ben costruita”

Ecco le parole dell'ex difensore dei lupi sulla squadra, la sua piazza e il suo allenatore

Simone Puleo, per molti anni difensore dell’Avellino, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Sport Channel 214 in cui ha parlato della squadra costruita in questa estate, in particolare del nuovo acquisto Marchizza, e delle sue ambizioni.

Sulla prossima avversaria dell’Avellino, il Foggia di Giovanni Stroppa, neo-promossa in serie B (e in cui il difensore ha militato dal 1998 al 2000 ndr): “Sarà una bella partita. Il Foggia ha grande entusiasmo a prescindere dai due risultati fino a qui conseguiti, un pareggio e una sconfitta. D’altronde quando si ritrova la B dopo diciannove anni c’è sempre entusiasmo. L’Avellino, secondo me, può consolidare un gruppo e una squadra che è stata ben costruita e può fare bene“.

Sulle ambizioni dei bianco-verdi per quest’anno, e se si possa fare bene come quella allenata da Rastelli, risponde: “Quella di Rastelli è più una sorpresa, questa, invece, è una squadra più solida e di categoria. E’ una squadra ben costruita con elementi che conoscono bene la categoria e che possono fare bene. Bisogna partire con il piede giusto e fare più punti possibili a inizio campionato per poi vedere i progetti della squadra, i quali possono essere i play-off, oppure, una salvezza tranquilla“.

Su Riccardo Marchizza, giovane talento preso in prestito dai bianco-verdi: “Marchizza l’ho visto giocare con la primavera della Roma ed è sicuramente un ottimo giocatore e un ottimo acquisto. Quest’anno gli servirà per migliorarsi e per affrontare il calcio che conta, senza nulla togliere a Migliorini e Suagher che comunque stanno facendo molto bene”. Alla domanda se potrebbe essere il suo erede, risponde in maniera scherzosa: “Spero diventi anche migliore di me“.

Sull’Avellino, come piazza privilegiata per far crescere e maturare i giovani calciatori: “Ad Avellino si riesce a coniugare il calcio giocato con i fattori esterni: pubblico, stadio, squadra vera, calcio vero. Quindi, riesci a imparare in un anno solo più cose di quante se ne possano imparare in più anni in altre realtà. Sono convinto che l’Avellino sia un ottimo trampolino di lancio“.

Infine, sull’ottimo rapporto dei tifosi con il tecnico dei lupi Walter Novellino: “Novellino è un allenatore preparato e non c’è bisogno nemmeno di dirlo. Il suo essere sanguigno, esattamente come gli avellinesi, ed essendo anche lui avellinese, fa si che venga amato e che lui ami allo stesso tempo la gente di Avellino“.