Avellino-Frosinone, alla scoperta dei prossimi avversari dei Lupi

Domenica al “Partenio–Lombardi“arriva il Frosinone, che nell’ultimo turno ha battuto il Cesena per 2-1; andiamo a conoscere i prossimi avversari dell’Avellino nel posticipo della tredicesima giornata di Serie B.

Il Frosinone è la quarta forza del campionato, con una rosa tra le più esperte della categoria (età media 28 anni). La società ciociara ha, infatti, confermato buona parte degli elementi che si sono resi protagonisti di una buona stagione in Serie A, malgrado sfortunata per il culmine della retrocessione, sostituendo solamente alla guida tecnica Roberto Stellone, autore di una grande cavalcata iniziata dalla Lega Pro e terminata in massima serie, con il veterano Pasquale Marino, già vincitore della Serie B con il Catania di grandi nomi come De Zerbi, Spinesi e Mascara.

L’allenatore di Marsala ex di Udinese e Vicenza, schiera, solitamente, il Frosinone con il 4-4-2 che vede protagonisti il talentuoso portiere scuola Inter Francesco Bardi (24 anni), Matteo Ciofani (28 anni), Nicolò Brighenti (27 anni), l’ex Torino Vasyl Pryyma (25 anni) e l’ex Cesena e Pescara Antonino Mazzotta (27 anni) a comporre una linea difensiva esperta e di grande livello. A centrocampo agiscono il prodotto del vivaio Luca Paganini (23 anni), il capitano Alessandro Frara (33 anni), il veterano ex Chievo Paolo Sammarco (33 anni) e l’esterno scuola Sampdoria Danilo Soddimo (29 anni). In attacco il duo Daniel Ciofani (31 anni) e Federico Dionisi (29 anni) è lo stesso tandem che si è reso protagonista nell’esperienza del Frosinone in Serie A.

Altre frecce nell’arco di Pasquale Marino sono l’ex attaccante di Pescara, Reggina e Vicenza Andrea Cocco (30 anni e 132 minuti giocati), l’esterno offensivo ucraino scuola Shakhtar Donetsk Vyacheslav Churko (23 anni e 156 minuti all’attivo), il tedesco mancino Oliver Kragl (26 anni e 364 minuti giocati), l’austriaco centrocampista centrale Robert Gucher (25 anni e 309 minuti all’attivo), il collega di reparto Mirko Gori (23 anni e 822 minuti giocati), l’ex difensore del Sassuolo Lorenzo Ariaudo (27 anni e 850 minuti in campo), il collega Adriano Russo (29 anni e 320 minuti giocati), il terzino sinistro di difesa Roberto Crivello (25 anni e 565 minuti in campo) e l’espertissimo portiere italo – brasiliano, ex Varese Massimo Zappino (35 anni e 90 minuti giocati).

Devastante è la coppia d’attacco Ciofani – Dionisi, capace di segnare la bellezza di 11 reti con i 6 gol del primo ed i 5 del secondo. A tali marcature seguono i 4 gol dell’ala Paganini e le singole reti di Frara, Sammarco, Pryyma e Russo.

In dodici giornate il Frosinone ha ottenuto 6 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte, con un equilibrato bilancio tra gol realizzati (16) e subiti (13). Se per i successi casalinghi la squadra ciociara è quarta in classifica, in una speciale lista per il rendimento in trasferta, gli uomini di Marino risultano tredicesimi con una vittoria, due pareggi e due sconfitte, rimediando la maggior parte dei successi tra le mura del “Matusa“.

Affidabile, lontano da Frosinone, è la difesa, con 7 gol subiti a fronte dei 6 casalinghi, mentre più sterile è il reparto offensivo in trasferta, con soli 4 gol segnati fuori casa rispetto alle 12 marcature siglate al “Matusa“.

Il Frosinone è in serie positiva da cinque turni. La sconfitta casalinga contro il Perugia è stata archiviata e dallo scivolone contro gli umbri gli uomini di Marino hanno conseguito quattro vittorie ed un pareggio, battendo su tutte Cittadella, Bari, Spal e, nell’ultimo turno, il Cesena. Contro il sesto miglior attacco della categoria [i primi tre posti sono occupati da Hellas Verona (27 reti), Virtus Entella (21 gol) e Cittadella (20), quarta è la Spal che ha battuto l’Avellino lunedì (19 marcature)], l’Avellino, a prescindere dall’identità della guida tecnica, dovrà garantire una prova ben diversa da quella vistasi al “Paolo Mazza” di Ferrara, cercando di dar seguito al buon rendimento tra le mura del “Partenio – Lombardi“.

Leggi Anche:

Avellino-Frosinone, i biglietti: tutte le info