Avellino-Frosinone, Toscano: “Non mi dimetterò mai”

Non mi dimetterò mai, l’ho fatto a Terni ma non succederà più perché ho passione per questo lavoro”. Così Domenico Toscano alla vigilia di Avellino-Frosinone, dopo una settimana sicuramente particolare per lui, prima virtualmente esonerato e poi richiamato sulla panchina biancoverde.

Quindi aggiunge: In trent’anni mi sono costruito una credibilità da uomo e da allenatore, le difenderò fino all’ultimo giorno del mio percorso. Alle inevitabili domande sull’incontro tra Taccone e De Canio:Il presidente può incontrare chi vuole, se oggi sono ancora qua è perché mi è stata manifestata fiducia”.

Sulla squadra che si sarebbe opposta al suo esonero: “Sono felice che il gruppo che ho formato sia con me ma sono contento perché ho creato unione di intenti e questo fa parte del mio lavoro”. Gli viene chiesto anche delle affermazioni di Taccone per cui avrebbe dovuto chiedere scusa dopo la partita contro la Spal: “Ero amareggiato e per questo non l’ho fatto ma è doveroso chiedere scusa a tutti”.

Sul feeling mai nato con il pubblico avellinese: “Forse mi sono fatto conoscere poco a livello umano da questa piazza, frequentando poco la città e mi riprometto di cambiare fare”. Sui pesanti fischi alla ripresa degli allenamenti mercoledì: “L’allenamento a porte aperte ho deciso io insieme alla società. E’ giusto che prendiamo applausi e insulti tutti insieme”.

Sulla gara di domani contro il Frosinone:Dobbiamo rialzarci subito, affrontando il Frosinone con una determinazione mai vista, l’aspetto tattico conta poco. Ho qualche dubbio ma sicuramente ci saranno quattro difensori e tre centrocampisti”. Infine, annuncia l’indisponibilità di Frattali: “Ha preso una distorsione ad una caviglia”.

 AVELLINO-FROSINONE: TUTTE LE NOTIZIE