Avellino, il calciatore più amato di sempre è Juary

La pagina Facebook Avellino Calcio Mania ha proposto un sondaggio, ponendo la seguente domanda ai tifosi biancoverdi: “Il giocatore dell’Avellino che hai amato di più…si chiama…”. Circa 200 i commenti arrivati sulla pagina, ogni tifoso ha dato la sua risposta in merito. La vittoria è stata decisa al fotofinish: medaglia d’oro a Juary Jorge, argento per Salvatore Fresta, e bronzo per “bum bum” Vincenzo Moretti.
Juary Jorge dos Santos Filho ha deliziato gli sportivi irpini siglando ben 13 reti in 34 partite, diventando dall’esordio in biancoverde il vero beniamino della tifoseria avellinese all’inizio degli anni 80. Infatti l’esordio avvenne in una partita di Coppa Italia contro il Catania, vinta poi dagli irpini per 4-1, e l’attaccante brasiliano siglò una rete che lui stesso definisce la più bella della sua carriera. Folkloristico il suo modo di festeggiare dopo una rete, con l’indimenticabile “danza della bandierina”.

Juary ha preceduto di poche preferenze un’altra figura storica del calcio biancoverde: Totò Fresta. Tanti i gol messi a segno dall’indimenticato ex attaccante biancoverde, tra tutti è impossibile non ricordare le reti contro il Siracusa nella doppia sfida semifinale playoff stagione 1994/1995, che permisero ai Lupi di arrivare a giocare la finale contro in Gualdo. Le sue giocate raffinate e l’amicizia con i tifosi, oltre alle reti e gli assist che riusciva a garantire ogni volta che indossava la maglia biancoverde, gli hanno permesso di entrare nel cuore dei tifosi Irpini.

I numerosissimi fans che hanno risposto al sondaggio hanno attribuito l’ultima posizione del podio all’ex terzino sinistro Vincenzo Moretti. Per numerosi anni ha difeso la corsia sinistra dello scacchiere irpino ed entusiasmato il pubblico avellinese con le sue magistrali punizioni. Il suo sinistro sembrava esplodere come una bomba ad orogeria, era il nemico pubblico numero uno dei portieri avversari. Oltre a garantire alla difesa il supporto necessario e alle reti su punizione, era anche un eccellente rigorista. Sua la rete siglata su calcio di rigore contro il Napoli nella finale playoff 2004/2005 che ha consegnato la serie B ai Lupi. Ma i tifosi irpini lo ricordano anche per la rete siglata due anni dopo nella semifinale playoff in casa contro il Taranto. La sua realizzazione regalò all’Avellino l’accesso in finale, a pochissimo minuti dalla fine della partita.

Tante le preferenze anche per il compianto capitano Adriano Lombardi. I tifosi irpini hanno riservato anche tanti voti per Simone Puleo e beniamini ancora in attività come il nostro bomber Gigi Castaldo.

DIVENTA FAN DI AVELLINO CALCIO MANIA SU FACEBOOK

Leggi anche