Avellino, il nuovo 4-3-1-2 di Rastelli si rivela efficace

Il cambio tattico di Massimo Rastelli durante la sfida di ieri sera contro il Frosinone ha totalmente cambiato l’andamento dell’incontro. Una dimostrazione di elasticità del tecnico biancoverde, che si è allontanato dal suo modulo consueto per trovare nuove soluzioni. Un cambio in corsa che ha disorientato gli avversari, che evidentemente non avevano preparato la partita in quel modo. Partito con il classico 3-5-2, l’Avellino nei primi minuti ha sofferto le sortite offensive della squadra ciociara che si è resa più volte pericolosa. I lupi, invece, non riuscivano a trovare gli spazi giusti. Ecco che allora il mister ci mette il suo e passa ad un 4-3-1-2 inedito, con Pape Dia che agisce da trequartista dietro le due punte Soncin e Galabinov. La musica cambia e l’Avellino inizia a surclassare l’avversario, che da lì in poi viene annichilito.

Pape Ndiaga Dia

Migliora decisamente anche il rendimento di Pape Dia, che da esterno sinistro stava soffrendo in fase difensiva. Dietro le punte il senegalese ha trovato il ruolo giusto ed ha offerto una prova di tutto rispetto, ricevendo anche i complimenti dei compagni a fine match. Rastelli lo ha definito un vero e proprio nuovo acquisto e molto probabilmente lo rivedremo ancora in campo in quella posizione. Questo nuovo modulo di gioco potrà essere un’alternativa importante al 3-5-2 anche nel corso del campionato di Serie B.

Leggi anche –> Allenamenti Avellino: Terracciano e Fabbro out, a riposo Herrera

Leggi anche –> Juventus-Avellino, una sfida che segna la rinascita del calcio irpino