Avellino in Serie B, allenatore e più di metà squadra al debutto tra i cadetti

L’Avellino si appresta ad iniziare il campionato di Serie B con una lunga serie di esordienti in serie cadetta: sono, infatti, ben 12 i calciatori della squadra campana che non vi hanno mai giocato.

Il portiere Terracciano, giunto in prestito ai biancoverdi a luglio e proveniente dal Catania, ha all’attivo due presenze in Serie A con la squadra siciliana, ma non ha mai militato in B; stessa sorte per Di Masi, che in passato è stato alla Roma (zero presenze), poi alla Pro Vercelli, ma mai in serie cadetta.

Davide Zappacosta Avellino

Tra i terzini spiccano i nomi di Zappacosta, Bittante e Izzo. Il primo è stato un calciatore dell’Atalanta nel 2011, ma senza mai giocarvi; Bittante proviene dalle giovanili della Fiorentina ed ha esordito tra i professionisti lo scorso anno proprio con l’Avellino; l’ultimo non ha mai debuttato col Napoli ed ha sempre militato in C1, prima con la Triestina, poi con gli irpini dal 2012.

I centrocampisti esordienti sono Arini, Angiulli, Massimo e D’Angelo (che hanno militato in Serie D, oltre alla Prima e Seconda Divisione).

d'angelo

Ancora, l’attaccante (in lista di sbarco) De Angelis, in rosa con il Verona ma con zero presenze, il giovane Herrera, che ha all’attivo una stagione di serie D con il Pordenone prima di passare all’Avellino ed il senegalese Pape Dia, proveniente dalle giovanili dell’Udinese (dove non è mai entrato nel giro della prima squadra).

C’è molta impazienza tra i tifosi, che non vedono l’ora di vedere come se la caveranno questi calciatori, se risulteranno all’altezza o meno del campionato cadetto.

massimo-rastelli

A questa lunga lista di atleti, si aggiunge anche il tecnico Massimo Rastelli, alla prima esperienza da allenatore in un campionato di serie B. Torneo che invece ha ben conosciuto da calciatore, anche con la maglia dello stesso Avellino.

Leggi anche –> Amichevoli estive, Lanciano-Avellino 1-0 al “Trofeo Maio”

Leggi anche –> Avellino, la maglio n. 10 e l’ultima polemica: il regolamento parla chiaro