Avellino, Laverone: “Grande piazza, dobbiamo continuare così”.

Ospite della trasmissione Contatto Sport, Lorenzo Laverone, volto nuovo dell’Avellino, ha risposto alle domande e alle curiosità dei tifosi.

Si è soffermato inizialmente sul suo fortunato debutto al RigamontiE’ stata una gara vinta giocando alla grande. Non era assolutamente facile perché loro in casa non avevano mai perso. Bravi a tutti i compagni per la prestazione fornita”.

Ha tenuto, poi, a specificare quelle che sono le sue caratteristiche: “Posso giocare anche alto a centrocampo o come a Brescia, credo che ogni buon giocatore deve rimanere a disposizione per ogni evenienza tattica”.

Il forte laterale si è fermato a parlare anche della sua ex esperienza in maglia granata: “ll mio arrivo? Avevo deciso di chiudere l’esperienza alla Salernitana nonostante Bollini volesse fortemente la mia permanenza. Ma avevo già scelto l’Avellino e sono contento di essere qua, in questa grande piazza che mi ha accolto, da subito, benissimo”.

Continuando poi ha espresso un parere anche sulle parole di Luca Bittante (che ha detto di aver preferito la piazza di Salerno a quella biancoverde): “Io non l’avrei mai fatto. Si deve portare il giusto rispetto a ogni maglia che si indossi in carriera”.

Una delle prime cose che ha colpito il nuovo terzino biancoverde è stato il calore della piazza: “E’ bello vincere, possiamo toglierci delle soddisfazioni, ma dobbiamo restare con i piedi ben saldi per terra perché la Serie B è pericolosa ed altalenante, la classifica nel giro di poche settimane può cambiare radicalmente, il segreto è uno: abbiamo bisogno di continuità”.

Lorenzo Laverone ha poi concluso parlando dei suoi nuovi compagni di squadra: “Mi trovo bene con tutti. Castaldo e Ardemagni sono dei bravissimi ragazzi e due calciatori dalle indubbie qualità. Sempre meglio averli in squadra. Matteo è uno positivo, sempre allegro. Dà una grossa mano nello spogliatoio”.

Quelle punte che è chiamato a fare esplodere di gioia, grazie ai suoi proverbiali cross.