Avellino, Luigi Castaldo in astinenza da gol: è ora di sbloccarsi

Gigi Castaldo deve sbloccarsi per superare il periodo non facile che sta attraversando dal punto di vista realizzativo. Il numero 10 dell’Avellino è, infatti, in “astinenza” da gol da sei partite. Il numero, forse, più clamoroso riguardo a questo “digiuno” è quello che i riguarda il tempo: sono 541 i minuti di gioco (esclusi i minuti di recupero) trascorsi  dall’ultima rete del nativo di Giugliano; la sua ultima realizzazione risale al 28 febbraio 2015 nella partita giocata al “Partenio-Lombardi” contro la Ternana, e più precisamente al  minuto numero 24 del primo tempo quando realizzò un calcio di rigore conquistato da Almici. Questo periodo di astinenza dal gol è qualcosa di molto sorprendente, considerando quello cui Castaldo ha abituato i tifosi dell’Avellino in questa stagione: con la 35a giornata del campionato di Serie B alle porte, il numero 10 dei Lupi ha già abbondantemente superato il proprio score realizzativo della passata stagione (in quell’occasione segnò 11 reti in 39 presenze).

E’ fuor di dubbio che non si possa imputare nulla all’attaccante irpino: lui che ha trascinato la squadra a suon di gol, soprattutto, nel girone di andata, quando alla 13a giornata aveva già realizzato 10 gol; nel girone di ritorno, nelle medesime 13 partite, ha dimezzato il suo score (5 gol) sia per un calo che è da definirsi fisiologico (non poteva reggere quella media gol) sia perché  col mercato di gennaio è arrivato Marcello Trotta che, con le sue prestazioni e i suoi 4 gol in 10 partite, si è imposto come “spalla” d’attacco ideale per il numero 10 dell’Avellino e si è guadagnato anche attenzioni di mercato da squadre di serie A. 

Ma torniamo a Castaldo che, con il suo digiuno attuale, ha eguagliato il suo record stagionale di astinenza dal gol: come già ricordato 6 partite. L’altro precedente trascorse tra la 14a e la 20a giornata del girone d’andata e qui si nasconde un particolare curioso: questa striscia “perdente” iniziò proprio dalla gara di andata contro il Vicenza, prossimo avversario dei Lupi venerdì sera allo stadio “Romeo Menti”. Sarebbe il momento perfetto se la statistica si ripetesse e Castaldo si sbloccasse in una partita così importante per il campionato dell’Avellino e, dopo che si sarà “sbloccato”, magari non si fermerà più e trascinerà la sua squadra come ha fatto nella prima parte della stagione.

TUTTO SU VICENZA-AVELLINO