Avellino, Moretti: “Bisogna tenersi stretta la Serie B”

“Innanzitutto bisogna tenersi stretta la categoria perché la Serie B ad Avellino vale tantissimo. Queste le parole di Vincenzo Moretti, nella sua lunga intervista a OttoChannel 696, nel corso della trasmissione “0825”. Dopo aver parlato di Toscano, Bum Bum si addentra su altri aspetti, tecnici e non.

Sulla tifoseria: “Dalla mia esperienza nei 6 anni di permanenza ad Avellino, posso dire che è una città che chiede tanto alla squadra: vuole il nome, il calciatore di categoria, vuole il colpo di mercato come giusto che sia. Sugli spalti, i tifosi biancoverdi sono sempre straordinari sia in casa che fuori, ma questo non lo dico: lo dicono i fatti”.

Quindi aggiunge: “Nel corso degli anni, questa tifoseria sta dimostrando un grandissimo attaccamento a questi colori. Il problema è che può essere un’arma a doppio taglio per la pressione, ma tutti noi ci auguriamo che comunque questi nuovi innesti, questo progetto con tanti giovani possa portare tra qualche anno ai risultati che la società si aspetta”.

Quindi un giudizio su uno degli esterni dell’Avellino attuale, Asmah: Contro la Virtus Entella mi è sembrato un po’ fuori dai giochi e dagli schemi però mi è sembrato allo stesso tempo un giocatore fresco, anche grazie alla sua giovane età. Ha una bella gamba per poter spingere, ma fare paragoni con me è sbagliato”, afferma, “perché io sono stato molto di più ad Avellino”.

Quindi conclude: “Toscano si è preso una bella patata bollente, si deve fare quadrato attorno a questo gruppo. L’anno scorso il Crotone con una squadra giovanissima si è trovata a volare sulle ali dell’entusiasmo verso la Serie A con tanta qualità, perché senza quella non vinci, così come serve anche l’esperienza. Per l’Avellino è importante trovare i primi veri risultati. Con primi successi e la giusta fiducia, i giovani possono esaltarsi, giocare con maggiore sicurezza e magari trovare continuità”.

Leggi anche: Moretti: “Bisogna dare fiducia a Toscano”