Avellino-Siena 0-1, Rastelli: “Sulla punizione l’arbitro ha sbagliato”

Al termine dell’anticipo casalingo contro il Siena terminato 1-0 con gol su punizione, molto contestata, di Alessandro Rosina, ha parlato ai microfoni della sala stampa il tecnico dell’Avellino Massimo Rastelli, che si mostra molto rammaricato per l’esito del match: “Abbiamo creato molto senza rischiare praticamente nulla. Qualche minuto prima del gol abbiamo avuto una buona occasione con Galabinov. Ci abbiamo provato fino alla fine con occasioni importanti“.

Riguardo all’arbitro del match, il signor Fabbri di Ravenna, il tecnico degli irpini ha fatto capire chiaramente come la pensa sulla sua direzione di gara: “L’arbitro ha usato un suo metro di giudizio. Ha fischiato punizioni ingiuste. L’episodio del gol ci ha penalizzati perchè l’arbitro aveva fatto prima proseguire – per dare correttamente il vantaggio alla squadra in possesso di palla, cioè il Siena, ndr -“.

Nonostante la buona prestazione, rimane il momento negativo della squadra che raccoglie meno di quanto semina: “La squadra gioca bene, tiene testa a chiunque, ma portiamo a casa meno di quello che meriteremmo. È un momento negativo nei risultati. Ma noi pensiamo sempre al nostro obiettivo e andiamo avanti a testa alta. Stasera non abbiamo concesso nulla e nonostante tutto, stiamo qui a parlare di una sconfitta immeritata”.

Il mister dei biancoverdi, prosegue incoraggiando i suoi per l’impegno e la voglia di lottare sempre mostrata finora: “Non dobbiamo mettere pressione ai ragazzi. È normale che siamo in una posizione di classifica importante. Nel girone di andata siamo andati come una Ferrari, adesso è normale che abbiamo rallentato. Però ripeto, stiamo giocando meglio rispetto a prima. Castaldo spero non si sia fatto di nuovo male, con l’infortunio di D’Angelo abbiamo perso sostanza a centrocampo. Aver concesso un tiro e mezzo a questo Siena, viste le nostre non eccelse condizioni, non è bastato”.

TUTTE LE NOTIZIE SU AVELLINO-SIENA