Avellino-Spezia, D’Angelo: “Momento brutto, possiamo solo lavorare”

Nella settimana che condurrà ad Avellino-Spezia, ha parlato oggi il capitano dell’Avellino, Angelo D’Angelo. Queste le parole del centrocampista sul momento della squadra: “E’ senza dubbio uno dei periodi più brutti da quando sono ad Avellino. C’è poco da dire, bisogna solo abbassare la testa e lavorare. Solo così possiamo uscire da questa situazione”.

Sulla sconfitta contro il Perugia: “Spero che non ci siano più partite del genere, dobbiamo cambiare subito registro. Non mi va di fare promesse, ma credo che da ora in avanti lotteremo sempre e fino alla fine. Penso che abbiamo capito che dobbiamo dare più del 100%. L’Avellino non merita questo piazzamento”.

Sui tanti giovani presenti in rosa quest’anno: “Non è questo il punto, Avellino ti forma in tutto, basti pensare ai tanti ragazzi passati in Serie A. Quindi basta parlare di giovani o di non gioco. Abbiamo bisogno di fare punti, poi penseremo ad essere belli. A noi non piace questa situazione e sappiamo che dobbiamo dare una sterzata al campionato”.

Sulla partita contro lo Spezia: Una delle formazioni più importanti della categoria, sono reduci da una sconfitta e saranno arrabbiati, ma noi ci vogliamo far trovare pronti, dobbiamo lottare fino alla fine. Sul possibile cambio di moduloNon sono l’allenatore, ma non credo, il problema è nella testa. Spero che i fischi rimbombino nella mente di tutti. La differenza la farà la cattiveria, dobbiamo arrivare per primi sulla palla”.

E infine su Toscano, al centro della bufera: “Ha un carattere molto simile alla filosofia dell’Avellino, particolarmente duro. Prepariamo le partite nel migliore dei modi e mi dispiace quando viene a mancare il coraggio, come accaduto a Perugia, abbiamo bisogno di maggiore determinazione”.

Leggi anche: