Avellino-Spezia, Rastelli: “Fare sei punti in due partite”

Come di consueto, il tecnico dei lupi Massimo Rastelli ha presentato in conferenza stampa pre-partita la sfida Avellino-Spezia, in programma domani pomeriggio allo stadio “Partenio-Lombardi”. Quella contro lo Spezia sarà la prima di due partite fondamentali per il cammino dei biancoverdi in chiave playoff, e Rastelli lo sa perfettamente: “Le prossime due gare ci diranno qualcosa in più su quello che possiamo fare. Fare due risultati positivi sarà importante, anche una vittoria e un pareggio, o due vittorie. Ma la nostra mentalità è quella vincente di chi non molla mai, cercheremo sempre di fare bottino pieno. Daremo una risposta in vista delle ultime tre gare“.

Sullo Spezia di Devis Mangia: “Affronteremo una grandissima squadra, una corazzata. Già erano partiti con pronostici ambiziosi, poi si sono rinforzati ulteriormente a gennaio. Il cambio di allenatore e l’arrivo di giocatori importanti li hanno scombussolati in positivo. Vengono da ottimi risultati, hanno perso solo ad Empoli. Noi siamo pronti perché i ragazzi si sono allenati al meglio anche in questa settimana“.

Sul modulo e come verrà impostata la partita: “E’ difficile decifrare lo Spezia, ci sono state partite dove hanno giocato alto e altre dove hanno atteso un po’ di più. Nel girone di ritorno tutti gli avversari ci hanno rispettato ed hanno avuto più accortezza nel giocare contro di noi, anche per questo abbiamo avuto maggiori difficoltà. Lo Spezia farà la sua partita e non farà barricate, quindi potremmo avere qualche spazio in più“.

Su Luca Bittante, rientrato dall’infortunio: “Luca è a disposizione, settimana scorsa ha messo un po’ di lavoro nelle gambe. Da questa settimana è tornato in pieno, è un giocatore utilissimo per me perché può ricoprire diversi ruolo e in questo rush finale ci servirà tantissimo. Purtroppo non regge ancora i 90 minuti“.

TUTTO SU AVELLINO-SPEZIA

Leggi anche –> Avellino-Spezia, ecco i 22 convocati di Massimo Rastelli

Leggi anche –> Avellino-Spezia, Mangia: “Giocare come se fosse una finale”