Avellino,Taccone: “Una gioia incredibile vedere 10mila tifosi al Partenio”

Il presidente dell’Avellino Walter Taccone è intervenuto su Sportitalia nella trasmissione Speciale Calciomercato presentata dal giornalista irpino Michele Criscitiello. Durante la trasmissione il presidente biancoverde ha avuto modo di commentare questo strepitoso inizio campionato della squadra guidata da Rastelli e rilevare alcuni interessanti scenari di mercato.

Sulla bellissima cavalcata dell’Avellino dalla polvere della Serie D fino a alla B il presidente Taccone ha commentato “Oltre all’impegno e i sacrifici siamo stati molto fortunati in questi anni dalla D fino a oggi che siamo terzi in classifica in Serie B. Siamo partiti in 4 come una vera scommessa, una sfida in maniera garibaldina che ha assunto nel tempo i connatati di un’azienda. In questi 4 anni abbiamo fatto molti sacrifici con l’aiuto di imprenditori irpini e poi sono rimasto solo ma sono orgoglioso di essere parte di questa realtà. I nostri tifosi sono eccezionali siamo partiti da 100 persone e ora a ogni partita siamo in 10mila. Fra qualche mese aumenteremo la capienza dello stadio cosi potremmo arrivare a 16mila persone. Sono onorato e gratificato di essere presidente dell’Avellino“.

20131012_000844

Sull’ annosa questione del portiere Timothy Nocchi  il presidente biancoverde ha commentato “Su Nocchi avevamo la parola della Juventus ma molto spesso queste  cose passano per la volontà dei giocatori o dei procuratori. Nella sfortuna siamo stati fortunati con due portieri eccezionali”. Poi si è parlato dell’exploit di Terracciano “Un portiere intelligente bravo con i piedi, molto sicuro tra i pali e di grande talento, sarà difficile togliergli la maglia da titolare. Era partito come secondo portiere dietro Seculin ma ora sta dimostrando di essere un grande portiere, molto affidabile. All’inizio del mercato era proprio Terracciano la nostra prima scelta per la porta poi è arrivato Seculin ma ora i fatti ci stanno dando ragione”.

Sul rapporto Avellino e Napoli, il presidente Taccone ha dichiarato “Il nostro rapporto lo definirei  splendido sia con Bigon che con il presidente De Laurentiis. Ora si sta parlando del centrale che il Napoli dovrebbe prendere per completare il reparto difensivo, si parla di calciatori stranieri e quant’alto ma io dico che il Napoli potrebbe guardarsi intorno senza guardare all’estero perché in campo non vanno i nomi ma gli uomini. Devono avere il coraggio di mettere i giovani in campo come fanno molte squadre estere come il Manchester United. Noi abbiamo in squadra un calciatore come Izzo che abbiamo in comproprietà con il Napoli che per me è un ragazzo fortissimo che può fare al caso degli azzurri. Abbiamo recentemente rinnovato la comproprietà ma potrebbero provarlo e fargli fare il salto di qualità. Un ragazzo incredibile che esce palla al piede tra tre o quattro uomini che lo marcano, ha qualità eccezionali. Uno cosi lo vedrei benissimo nel Napoli invece di guardare all’estero”.

Taccone ha poi parlato di Rastelli “Massimo Rastelli oltre ad essere un grande professionista è un grande uomo. Ha saputo creare uno spogliatoio incredibile. Un vero motivatore e un allenatore importante”.

Su Zappacosta invece ha sottolineato “Zappacosta è un patrimonio dell’Avellino, per la verità ce lo stanno chiedendo un pò tutti soprattutto squadre di Serie A. Il ragazzo per adesso sta con noi ed è felice di stare con noi”

Taccone ha poi dichiarato “Mi riempie di gioia quando vedo lo stadio pieno e vedere queste 10mila persone fare il tifo per l’Avellino. Il nostro obiettivo per adesso è stare nella parte sinistra della classifica”.

Sul mercato di gennaio dell’Avellino per ulteriori rinforzi per raggiungere obiettivi ben superiori alla salvezza Taccone ha commentato “Dipende da due cose: Dalla posizione in cui saremo a dicembre. Io tengo moltissimo alla compattezza dello spogliatoio e devo trovare un uomo che non mina alla compattezza, anche se arriva dalla Serie A e mi spacca in due il gruppo perché vuole giocare a tutti i costi allora non lo prendo. Se trovo un uomo, prima che un calciatore, con queste caratteristiche, lo prendo. Altrimenti no”.

Per quanto riguarda le condizioni di Alessandro Fabbro, Taccone ha concluso con un “Fabbro sta bene” che ha fatto tirare un bel sospiro di sollievo a tutti i tifosi biancoverdi che temevano un suo forfait per la difficile trasferta di Siena.