Avellino, Taccone: “Via Toscano? Non sono come un presidente siciliano”

“Esonerare Toscano? Non sono come un presidente siciliano”. Queste le parole del presidente dell’Avellino Walter Taccone, a “0825”, in onda su OttoChannel 696. Il presidente ha parlato del momento delicato della squadra e dell’allenatore, messo già in discussione dalla piazza a causa dei risultati negativi di inizio stagione.

Ecco il pensiero di Taccone su Toscano: “Capisco che i tifosi possano essere delusi da questo inizio di campionato, non ci sono dubbi, ma da questo a dire che l’allenatore venga messo in discussione alla quarta partita di campionato ce ne vuole. Dovrebbero avere come presidente altre persone e non Taccone. Qualcuno che sta nella Sicilia senza fare nomi (ovvio il riferimento a Zamparini, ndr) l’avrebbe già licenziato.

Quindi aggiunge: “Il calcio è fatto di alti e bassi, abbiamo fatto di tutto quest’anno per mettere a disposizione dell’allenatore una rosa di giocatori numerosa e di qualità. Questa è la nostra idea, ma naturalmente potremmo aver sbagliato con un campionato che potrebbe dire l’opposto. Ma posso dire con tranquillità che i calciatori sono stati scelti tutti all’unanimità, insieme all’allenatore”.

Quindi conclude: “L’unica eccezione, lo dico per coerenza, è stata l’acquisto di Verde che probabilmente era nelle sue idee il primo, ma in realtà abbiamo prima seguito Falco e qualche altro giocatore. Poi siamo stati fortunati e con l’amicizia di Sabatini abbia preso questo ragazzo dalla Roma”.

Leggi anche: Verona-Avellino, Toscano: “Episodi decisivi”