Avellino, a Trapani per svoltare

Insidie a gogò, rifiuti sul mercato, tensioni accumulate, poche gioie, molti dolori. Il girone di andata dell’Avellino è stato costellato da tanti episodi negativi, che però non hanno fatto affondare i lupi, che dopo l’avvento di Novellino si sono ritrovati e anzi, stasera ci troviamo nella condizione di poter svoltare.

Un risultato positivo al Provinciale contro il Trapani restituirebbe all’Avellino una buona dose di buon umore che farebbe affrontare le prossime giornate con il coltello tra i denti e con la mente un pochino più sgombra da pensieri. Una vittoria in particolare farebbe balzare i lupi fuori anche dai play-out oltre che superare molte squadre e prepararsi al meglio per la sfida di sabato contro la corazzata Hellas.

Di fronte, questa sera, ci sarà però un Trapani battagliero, all’autentica “ultima spiaggia”; una partita difficile, in cui l’Avellino dovrà anche sapere aspettare per poi far male in contropiede, perché la prerogativa dovrà essere “non perdere” e tentare di vincere senza, però, sbilanciarsi troppo.

I siciliani, faranno affidamento a Pigliacelli in porta, difesa solita con Rizzato, obiettivo recente dei lupi, che  dovrebbe avere la meglio sull’ex Visconti, a centrocampo Maracchi, Fausto Rossi e Barillà giostreranno la manovra, con Nizzetto e Coronado a dare fantasia da trequartisti. Davanti visto le cattive condizioni del “Messi di Fisciano” Citro, dovrebbe agire Manconi.

In casa biancoverde non ci dovrebbero essere novità davanti a Radunovic in difesa (nonostante l’acquisto di Solerio, Gonzales viaggia verso la riconferma), a centrocampo torna Angelo D’Angelo con Paghera e Lasik e Belloni, davanti Verde-Ardemagni visto il forfait di Castaldo (preservato col Verona insieme a Migliorini) con Moretti e Eusepi pronti a cambiare la partita subentrando dalla panchina.

A Trapani dunque per svoltare. L’Avellino può dare l’accelerata decisiva nel momento clou della stagione, e classifica alla mano, essere finalmente in una zona che regala serenità, tranquillità e coraggio per poter affrontare chiunque ci si pari davanti con la fame di un lupo. Un lupo affamato che adesso vuole regalare solo soddisfazioni ai propri tifosi, che in quanto a sofferenza, hanno già dato nel girone di andata. Il momento della svolta è arrivato…..andiamo a coglierlo!.