Avellino, trend da 1.7 punti a partita: è una media da 5° posto finale

Ci eravamo lasciati soltanto 8 giorni fa con un’analisi della classifica dell’Avellino che rimandava un dato del tutto entusiasmante. Soltanto 8 giorni fa la media punti tenuta dai biancoverdi si attestava su 1,5 punti a partita. Media sesto posto insomma. Dopo la vittoria contro l’Empoli, che perde il primo posto in classifica per mano di Galabinov, il dato è cambiato, ovviamente, in positivo.

Riaggiornando le statistiche considerate qualche giorno fa, l’Avellino ad oggi viaggia ad una media di 1,7143 (abbiamo usato una leggera dose di approssimazione per evitare eccessiva confusione). Continuando con questa media nelle prossime 35 partite da disputare, l’Avellino potrebbe totalizzare ancora la bellezza di 60 punti. Insomma, il rischio è quello di dover dar ragione al Presidente Taccone. I biancoverdi sono la scheggia impazzita del Campionato. 

Massimo Rastelli

Certo i tifosi volano basso. Reggono le emozioni ed evitano di farsi trascinare da fumose esaltazioni. Testa bassa e pedalare insomma. I conti si fanno alla fine. E’ vero. Ma le premesse per superare abbondantemente la quota salvezza ci sono tutte. Si perché se è vero che con questa media nelle prossime 35 giornate i lupi potrebbero totalizzare altri 60 punti, è altrettanto vero che 12 sono già in cassaforte. In totale, insomma, mantenendo la media di 1,7143 punti a partita, l’Avellino chiuderebbe il campionato a quota 72 punti.

Se consideriamo, ancora una volta, come riferimento lo scorso campionato di Serie B, l’Avellino avanzerebbe di una posizione rispetto a quanto ci siamo detti la scorsa settimana. Sarebbe quinto, proprio alle spalle dell’Empoli battuto lunedì sera. Una partenza così non si ricordava dai tempi di Luiso e Criniti. Nella stagione 1995/1996, nonostante la retrocessione finale, i lupi conquistarono 11 punti nelle prime 7 giornate, uno in meno rispetto a quanto è riuscito a fare l’Avellino di Massimo Rastelli. Il riferimento, però, non è propriamente adatto e, sicuramente, non deve mandare in fibrillazione i tifosi biancoverdi.

Tifosi Avellino a Lanciano

In quella stagione, infatti, la Serie B era ben guarnita; c’erano Bologna, Verona, Perugia, Reggiana, Genoa, Palermo e Brescia. C’era la Salernitana che sfiorò la promozione a sole 3 lunghezze dalla Reggiana (Salernitana che i lupi riuscirono a battere 1-0 con un gol di Calvaresi). Inoltre venivano promosse le prime quattro senza spareggi ed, infine, con l’attuale media punti l’Avellino stravincerebbe il campionato. Quest’anno l’Avellino ha un punto in più, un gol subito in meno e lo stesso numero di reti realizzate.

Leggi anche –> Con 1.5 punti a partita l’Avellino viaggia ad una media da 6° posto
Leggi anche –> Avellino-Empoli 1-0, Video Gol Galabinov dalla Curva Sud
Leggi anche –> Lupi in B, inizio stagione da sogno: partiti meglio dell’Avellino di Luiso e Criniti