Avellino-Venezia 83-84, Sacripanti: “Orgoglioso della mia squadra”

Ecco le parole del coach irpino dopo la sconfitta di questa sera, che ha sancito l'eliminazione ai Play-Off

Stefano Sacripanti, coach della Sidigas Avellino, ha parlato in conferenza stampa dopo che la sua squadra è stata battuta dalla Umana Reyer Venezia per 84-83, nella Gara 6 dei Play-Off 2017 della Lega Basket Serie A, che ha sancito l’eliminazione degli irpini e la qualificazione alla finale dei veneti, dove affronteranno la Dolomiti Energia Trento.

Il coach irpino ha dichiarato: “Devo ringraziare la proprietà, i giocatori e il pubblico che ci ha sostenuto per tutte le gare di questa stagione pieno di soddisfazioni. Sono orgoglioso della mia squadra che hanno dato tutto fino all’ultimo. per esser arrivata tra le prime quattro d’Italia. Noi ci abbiamo sempre creduto. Ho portato questa squadra nelle posizioni che contano. Al di la di questa delusione, dobbiamo uscire a testa alta“.

Sulla prestazione degli avversari, qualificati alla finale Scudetto, ha risposto: “Dobbiamo fare i complimenti ai nostri avversari. Hanno giocato in maniera molto solida. Ha dimostrato di essere una squadra molto profonda e di grande talento. Le abbiamo provate tutte per rientrare in gara, ma ci è saltata la zampata vincente. Abbiamo giocato molto bene nella prima frazione di gioco, ma negli altri due hanno dominato l’incontro. Faccio i complimenti a loro e a Trento per essere arrivate in finale“.

Poi, sul futuro, ha risposto: “Noi ci proveremo anche la prossima stagione. Le cose si costruiscono col tempo, col lavoro, col metodo, con l’attaccamento alla squadra, con la società che abbiamo e con giocatori. Viene tutto con il lavoro. Partiamo da questi due anni provando a restare nelle parti alte del basket italiano“.

Sulla prestazione dei suoi ragazzi, sopratutto di Fesenko e su alcune scelte tecniche fatte durante la gara, ha commentato: “Fesenko ha dato moltissima energia. Ho voluto risparmiare Cusin che non era messo bene fisicamente“.

Infine, ha concluso la conferenza stampa, aggiungendo: “Non so ancora quale sarà l’ossatura della squadra nella prossima stagione. Dico solo che questo gruppo merita molto rispetto e li ringrazio. Sono stati impeccabili“.