Avellino-Venezia 95/96, per Bruno Pace esordio con vittoria

Periodo movimentato in casa Avellino. Il pareggio interno, nello scontro diretto contro il Chievo Verona (0-0), non fa altro che peggiorare una classifica deficitaria. Al termine del girone d’andata, l’Avellino è penultimo in classifica con soli 20 punti, dietro, solo la Pistoiese (16). La già traballante panchina di Orrico è messa a dura prova da Sibilia, sempre più deluso da squadra e tecnico. Orrico ,che aveva preso la squadra alla quinta giornata dopo l’esonero di Boniek, presenta così le sue dimissioni. A sorpresa Sibilia annuncia Bruno Pace come nuovo allenatore: il tecnico torna così in panchina dopo un’assenza di oltre quattro anni.  Le sue prime parole sono: <<Qui ad Avellino voglio: marcatura, libero e fantasia>>; l’allenatore è anche convinto che l’Avellino si salverà: <<Sarei qui dopo quattro anni di buio, se non ne fossi convinto?>>. Nella prima giornata di ritorno, al Partenio arriva il Venezia; la squadra di Bellotto occupa una tranquilla posizione di metà classifica.

L’avvio dei padroni di casa è scoppiettante, non passa nemmeno un minuto (26 secondi per l’esattezza), e l’Avellino passa in vantaggio con Luiso. Mazzantini, sempre nel primo tempo, si oppone a due conclusioni ravvicinate di Criniti prima e Fornaciari dopo. Nella ripresa, su rigore, arriva il doppio vantaggio grazie a Criniti che, dagli undici metri, indirizza la palla all’incrocio. Sembra fatta ma, al 72’, Cerbone dimezza lo svantaggio. L’Avellino soffre, stringe i denti e ,alla fine, porta a casa i tre punti. Pace analizza così la vittoria: << I tre punti valgono molto ma, sono stati accompagnati anche da altrettanta paura.  Abbiamo un po’ balbettato ma questa è una squadra che deve acquisire la sua fisionomia e per far ciò c’è bisogno di tempo. Ora ci attende un calendario molto duro e questa vittoria  ci dà maggiore tranquillità>>. Per Pace, buona la prima.

21/01/1996  20° giornata

Avellino-Venezia 2-1

Avellino: Visi 6,5, Colletto 6,5, De Juliis 6, Marasco 6,5, Fornaciari 7, Nocera 6,5, Castiglione 5, Marchegiani 6,5 (57’ Bellotti 6), Luiso 6, Fioretti 7, Criniti 6,5 (83’ Cozzi s.v.). In panchina: Giannitti, Della Morte. All.: Pace 6,5.

Venezia: Mazzantini 6, Pavan 6, Ballarin 5 (58’ Vecchiola 6), Fogli 5, Sadotti 6, (86’ Fiorin s.v.), Filippini 6, Zironelli 6,5, Scienza 6, Pellegrini 5 (64’ Polesel 6), Bortoluzzi 6, Cerbone 6. In panchina: Roma, Danza. All.: Bellotto 6.

Arbitro: Branzoni di Pavia 6,5.

Marcatori: 1’ Luiso (Av), 57’ Criniti (rig.) (Av), 72’ Cerbone.

Ammoniti: Filippini, Luiso, Fogli.

Espulso:Castiglione.

Spettatori:7.348.

Incasso: 131.312.000 lire.

ECCO LA SINTESI DI QUELLA SFIDA

Leggi anche –> Avellino-Venezia, alla scoperta dei prossimi avversari dei lupi