Avellino: vige la “Legge del Partenio”, ma si vince anche in trasferta

Due vittorie consecutive fuori casa non possono essere soltanto una coincidenza. L’Avellino ha trovato la quadratura del cerchio. La squadra di Massimo Rastelli si trova al secondo posto in classifica con 24 punti, otto dei quali ottenuti lontano dal “Partenio-Lombardi“. Il ruolino di marcia dell’Avellino fino alla scorsa settimana era stato costruito soltanto in casa. Se consideriamo solo le partite casalinghe, l’Avellino si trova al primo posto in classifica insieme al Modena. Sono ben 16, infatti, i punti conquistati tra le mura amiche. In trasferta non era ancora arrivata nessuna vittoria. Sotto il diluvio di Cittadella, però, ci pensò Andrey Galabinov con una doppietta a regalare i primi tre punti fuori casa ai lupi. Ieri contro il Brescia il bulgaro si è ripetuto, ed ha sbloccato il match poi vinto 2-0 dai biancoverdi.

Galabinov e D'angelo

Non vige solo la “Legge del Partenio“. L’Avellino di quest’anno è una squadra temibile anche quando va a giocare su altri campi. Un’altra grande differenza rispetto alle ultime stagioni in Serie B, quando per riuscire a vincere in trasferta bisognava aspettare almeno il girone di ritorno. Basti pensare che nel 2007/2008, i lupi collezionarono in tutto il campionato soltanto 8 punti lontano dall’Irpinia. Gli stessi conquistati quest’anno in sole 13 giornate.

Leggi anche –> Avellino, Castaldo torna in campo ed è già decisivo

Leggi anche –> Avellino, la rivincita dei “finiti” e sconosciuti