Avellino, Zappacosta: “Sogno di giocare in Serie A con i lupi”

Davide Zappacosta è, senza ombra di dubbio, uno dei talenti più importanti del panorama calcistico italianto. In terra Irpina l’esterno di Sora ha dimostrato di essere un calciatore destinato a diventare un top player. Arrivato ad Avellino nel 2011 poco più che maggiorenne, Zappa è diventato un vero leader e idolo dei tifosi biancoverdi. Sono tante le squadre di massima serie che hanno messo gli occhi sul calciatore biancoverde, e per lui si prospetta una vera e propria asta di mercato che lo vedrà per forza di cose approdare nella prossima stagione nel massimo campionato italiano.

Il Corriere dello Sport gli ha dedicato un’intera pagina con una lunga intervista in cui si parla del suo futuro e della sua esperienza in Irpinia “Non so niente ancora dove giocherò l’anno prossimo, c’è una comproprietà tra Atalanta e Avellino e vedremo cosa sarà meglio fare. Per me non ci sono problemi, gioco ovunque“.

Zappacosta ha poi voluto sottolineare: “Le mie caratteristiche sono state esaltate dal modo di giocare dell’Avellino. Non è stato un caso se siamo arrivati così in alto, mister Rastelli è meticoloso e molto l’aspetto difensivo senza però rinunciare a un calcio anche propositivo”. Sugli errori arbitrali che hanno frenato l’Avellino “Ultimamente non siamo stati fortunati con gli arbitri, ma da parte nostra c’è stato anche un calo fisico che ci può stare dopo un girone d’andata con 37 punti conquistati. Fatto sta è che da parte nostra dobbiamo essere più bravi a chiudere le partite“.

Davide Zappacosta Avellino

Sull’esperienza all’Avellino “Sono approdato in Irpinia grazie al direttore Enzo De Vito che mi ha notato quando giocavo nell’Isola Liri. Poi sono approdato all’Atalanta dove ho giocato nella Primavera. Quando il direttore ha saputo che l’Atalanta mi avrebbe mandato a giocare, ha creduto in me e mi ha portato all’Avellino. Qui in Irpinia c’è una grande passione per il calcio e tanta serenità, ti fanno sentire importante. I tifosi poi sono eccezionali ci supportano sempre e sono in tantissimi che ci seguono sia in casa che in trasferta”.

L’esterno biancoverde ha poi aggiunto: “Ad Avellino c’è un progetto ambizioso e chiaro che punta sui giovani di qualità e sui quali si investe molto. Una società fatta da persone serie che fanno bene il loro lavoro, a partire dal presidente Taccone. L’Avellino non lo lascerei mai, mi ha lanciato e gli devo tutto, soprattutto se andassimo in Serie A vorrei rimanere; però d’altra parte anche l’Atalanta è un grande club.Il mio sogno nel cassetto è di indossare un giorno la maglia della Juventus, squadra per la quale faccio da sempre il tifo”.

davide-zappacosta-roma

Infine una sezione speciale per L’Avellino Club Roma del presidente Angelo Picariello. Zappacosta ha elogiato i tifosi irpini definendoli eccezionali, che non fanno mancare mai il loro supporto anche fuori dall’Irpinia. L’esterno biancoverde, infatti, durante il periodo in cui è stato in cura a Roma presso Villa Stuart, è stato ospite del club biancoverde dove ha avuto il piacere di passare qualche ora in compagnia dei Lupi della capitale, tra una pizza e quattro chiacchiere. Ovviamente sull’Avellino. Così come sono stati ospiti del club Benoit Ladriere, Armando Izzo, Maurizio Peccarisi e Pietro Terracciano.

DIVENTA FAN DI DAVIDE ZAPPACOSTA SU FACEBOOK

Leggi anche -> Gazzetta dello Sport: Prandelli pensa a Davide Zappacosta in Nazionale

Leggi anche -> Allenamenti Avellino, rientra Davide Zappacosta

Leggi anche -> Metti una sera a cena con Izzo e Ladriere nella Capitale