Bari-Avellino, alla scoperta dei prossimi avversari dei Lupi

Alle ore 15:00, allo stadio “San Nicola” di Bari, l’Avellino affronterà i padroni di casa in una delle trasferte più insidiose della sua stagione. Il Bari non sarà affatto un cliente comodo per i ragazzi di Novellino, reduci da un importante pareggio nel derby contro il Benevento.

Subentrato a stagione in corso a Roberto Stellone, Stefano Colantuono, allenatore dei “Galletti“, dovrà fare a meno di molti calciatori di grande esperienza presenti nella sua rosa. Nell’ultimo impegno contro il Pisa, infatti, l’ex tecnico dell’Atalanta e dell’Udinese, ha disposto i suoi in campo con un 3-5-2 con i seguenti interpreti: Micai tra i pali; Tonucci, Di Cesare e Moras in difesa; Cassani, Fedele, Brienza, Valiani, Daprelà a centrocampo; De Luca e Maniero in attacco.

Tantissima esperienza a disposizione di Colantuono, con tanti calciatori provenienti da svariate stagioni disputate in Serie A: oltre al giovane Salvatore Micai (23), tra i pali il Bari può avvalersi dell’affidabilità dell’ex estremo difensore del Torino Salvador Ichazo (24 anni), mentre altri ex granata torinisti sono il centrale Valerio Di Cesare (33 anni) e il centrocampista albanese Migjen Basha (29 anni). Del Bari fanno parte anche gli ex Palermo Mattia Cassani (33 anni), Fabio Daprelà (25 anni) e l’espertissimo Franco Brienza (37 anni), in Serie A anche con le maglie di Atalanta, Cesena, Bologna e Reggina.

L’esperienza della rosa barese porta anche i nomi dell’ex Bologna e Latina Francesco Valiani (36 anni), del duo ex Hellas Verona Vangelis Moras (35 anni e capitano) e Raphael Martinho (28 anni), degli ex Carpi Stefano Sabelli (23 anni) e Matteo Fedele (24 anni), degli ex Sampdoria David Ivan (21 anni) e Francesco Fedato (24 anni, ma scuola Bari). L’attacco barese ha, inoltre, forti tinte nerazzurre atalantine con Gaetano Monachello (22 anni) e Giuseppe De Luca (25 anni).

Giovani di categoria e molto interessanti sono infine l’ex Pescara e scuola Roma Elio Capradossi (20 anni, difensore centrale), il terzino sinistro scuola Paris Saint-Germain Souleyman Doumbia (20 anni), i Primavera Gaetano Castrovilli (19 anni, trequartista), Kingsley Boateng (22 anni, ala destra) e Curtis Yebli (19 anni, centrocampista centrale). Non manca l’esperienza di categoria di Riccardo Maniero (29 anni, attaccante), veterano della cadetteria con le maglie di Pescara e Catania su tutte, Marco Romizi (26 anni, centrocampista centrale) e Denis Tonucci (28 anni, difensore centrale).

Non un avvio esaltante quello del Bari che, attualmente, si ritrova al nono posto in classifica, avendo perso tanti punti, conquistando con la gestione Colantuono, una continuità che, al momento conta sei vittorie, sei pareggi e sei sconfitte, con una differenza reti tra gol segnati e subiti minima ed in segno positivo per una sola marcatura (18 gol fatti e 17 subiti).

Molto meglio il rendimento casalingo del Bari che, in una speciale classifica per rendimento tra le mura amiche, è la sesta forza del campionato, con cinque vittorie, due pareggi e due sconfitte ottenute al “San Nicola“, terreno di gioco benevolo per il Bari, sul quale è stato capace di siglare 14 reti e di subirne 9. Meno positivo è il rendimento in trasferta, laddove il Bari ha vinto soltanto una volta, pareggiando quattro volte e perdendo altrettante partite. Anche il bilancio delle reti segnate e subite cambia in trasferta, con soli 8 gol segnati e ben 14 subiti.