Bari-Avellino, assaltato pullman dei tifosi irpini: arrestati due baresi

Due tifosi baresi sono stati arrestati dalla Digos di Bari per avere lanciato, prima del fischio d’inizio di Bari-Avellino, sassi su un pullman di tifosi biancoverdi. A riferire della notizia e l’Agi secondo cui i due malviventi, insieme ad altre 3 persone ancora da individuare, si sono nascosti dietro dei cespugli per poi lanciare pietre e altri oggetti pericolosi verso il mezzo dove all’interno c’erano anche due donne.

Uno dei sassi  ha rotto un vetro posteriore del pulmino, per fortuna una macchina che si trovava dietro al mezzo preso di mira ha evitato a uno dei malviventi di lanciare un fumogeno all’interno ed evitare il peggio.

Gli autori del gesto sono un 23enne e un 21enne di Bari, già noti alle forze dell’ordine per reati simili. Per i responsabili è scattata l’accusa di danneggiamento aggravato e lancio di materiale pericoloso. I due avevano già ricevuto un provvedimento di Daspo, per il più giovane scattato durante il match tra Bari e Lecce mentre per l’altro nella passata stagione in occasione della gara contro il Cesena. Per entrambi è scatto il provvedimento degli arresti domiciliari. Le forze dell’ordine sono ancora sulle tracce degli altri 3 individui che facevano parte del raid. Inoltre la polizia ha anche denunciato un tifoso avellinese per oltraggio a pubblico ufficiale. Dopo 12 ore, sono stati già messi in libertà i due delinquenti.

TUTTE LE NOTIZIE SU BARI-AVELLINO

Leggi anche –> Bari-Avellino, già in libertà i due ultras arrestati dopo gli scontri