Brescia-Avellino, Novellino: “Voglio che la squadra sia preparata”

Ha parlato in conferenza stampa l’allenatore dell‘Avellino Walter Novellino, in vista della sfida contro il Brescia allo Stadio “Mario Rigamonti”, gara valevole per la 22° giornata del Campionato di Serie B.

Il tecnico di Montemarano ha parlato così delle sue possibili scelte per la gara di domani: “Voglio che la squadra sia preparata sia fisicamente che atleticamente. La struttura c’era, mancavano le gambe e un pizzico di cattiveria. In questa settimana i ragazzi hanno risposto bene e abbiamo tutte le carte per fare bene. Moretti ha bisogno di lavorare molto per rientrare in condizione, ma sono convinto che in pochissime settimane la recupererà. Ho già visto in lui delle buone qualità. Laverone potrebbe giocare anche sulla sinistra. Devo valutare la condizione di Castaldo domani mattina, poichè nell’allenamento di ieri ha subito una distrazione al polpaccio“.

Inoltre ha parlato dei nuovi acquisti dell’Avellino e del lavoro della società durante questa sessione di mercato: “Durante questi giorni ho avuto modi di lavorare bene anche con i nuovi acquisti che reputo essere importanti di categoria. Moretti non ha avuto modo di giocare per questi due mesi e deve ritrovare la forma e la convinzione. La società sta facendo un ottimo lavoro. Sono contento dei nuovi acquisti che sono arrivati, mi aspetto ancora qualche altro acquisto. Mi hanno dato molto fastidio i rifiuti di molti giocatori. Questa è una piazza molto importante. Chi viene ad Avellino deve farlo con entusiasmo e penso che Lezzerini, Moretti e Laverone abbiano trasmesso proprio questo. Dovranno arrivare altri due o tre giocatori. La società sta lavorando molto per prendere i giocatori che mi occorrono. Mokulu e Frattali hanno espresso la volontà di andare via e così sono stati accontentati“.

Infine ha aggiunto: “Questo è un campionato importante, non dobbiamo concedere più niente agli avversari, cercando attraverso il gioco di dare una grande soddisfazione non solo ai tifosi, ma anche a noi stessi. Voglio che i miei ragazzi capiscano quanto sia importante il risultato. Siamo consapevole di trovarci in difficoltà. Dobbiamo ottenere punti per risalire la classifica, ho lavorato con i ragazzi e sono sicuro che possiamo uscire da questa situazione, anche se dovremo farlo con fatica. Attualmente siamo terzultimi in classifica, ma non è detto che rimarremo bloccati in questa posizione“.