Rastelli e Pisacane rischiano l’omessa denuncia nell’ambito del calcio scommesse che ha colpito l’Avellino.

A dirlo è La Nuova Sardegna che nello scandalo che sta colpendo la squadra irpina si è soffermato sulla posizione dell’allora attuale allenatore biancoverde e del terzino ora entrambi nell’Isola. I due infatti sarebbero coinvolti come testimoni dell’increscioso episodio, quindi assolutamente non protagonisti delle presunte combine, ma allo stesso tempo non avendo denunciato il fatto rischiano l’omessa denuncia.

Il quotidiano dell’Isola poi svela che entrambi sono stati sentiti dalla giustizia ordinaria come testimoni ed entrambi hanno negato di aver saputo di scommesse clandestine sulle due partite sospette. Tra i due la posizione più esposta è quella del difensore che viene tirato in ballo dal pentito Accurso anche se le stesse dichiarazioni sembrano escludere Pisacane dalla combine, mentre a Rastelli sarebbero state chieste spiegazioni sulla mancata convocazione di Francesco Millesi per le ultime partite del campionato. Entrambi secondo La Nuova Sardegna rischiano dai quattro ai sei mesi di squalifica per omessa denuncia.

Leggi anche: