Calciomercato Avellino 2017, Taccone: “Gucher ci interessa”

In un intervista su SportChannel è intervenuto il presidente dell’U.S. Avellino Walter Taccone, sull’apertura della sessione invernale del Calciomercato 2017 iniziata quest’oggi.

Il presidente biancoverde ha confermato il forte interessamento per il centrocampista austriaco del Frosinone Robert Gucher: “E’ un giocatore che ci interessa molto, abbiamo parlato con i suoi procuratori di cui uno è Patrick Bastianelli, con il quale siamo in ottimi rapporti. Al momento stiamo trattando per il suo arrivo, se non riuscisse a venire ad Avellino sarebbe per la difficile posizione in classifica e non per l’ingaggio”.

Inoltre ha parlato sul forte interessamento della squadra di un altro giocatore del Frosinone, l’attaccante Andrea Cocco per un possibile scambio con l’attaccante belga Benjamin Mokulu Tembe, che con ogni probabilità dirà addio al club irpino: “Il giocatore verrà soltanto se dovessimo accettare l’offerta per la cessione di Mokulu. Il presidente Maurizio Stirpe sono da due anni che è interessato a lui, ed ha un’ottima valutazione di mercato”. Inoltre, sulle altre eventuali mosse di mercato, ha dichiarato: “Per quanto riguarda il mercato in entrata abbiamo tre o quattro nomi. A centrocampo abbiamo sei giocatori che possono ricoprire due ruolo, compreso Davide Gavazzi che può anche giocare come esterno. Può darsi che uno dei due mediani che abbiamo in rosa potrebbero partire per essere rimpiazzato da qualche giocatore più forte“.

Inoltre ha parlato anche della questione relativa alla cessione della clinica Santa Rita, dove nè è proprietario del pacchetto di maggioranza: “La clinica è stata comprata da Futura Diagnostica che anch’essa detiene le quote dell’U.S. Avellino e non sono in vendita. Qualora la dovessimo vendere le cose non cambieranno”.

Infine ha voluto rivolgere una parola ai tifosi: “Voglio chiedere ai miei tifosi di avere le idee chiare, perché prima dicono che devo andare via, poi dopo dicono che io devo rimanere. Ma se io me ne dovessi andare ci saranno molti che saranno contenti e altri no”.