Calciomercato Serie B: Trattative ed Affari Conclusi (21 gennaio 2015)

La notizia della giornata di oggi non è l’acquisto di un giocatore ma del cambio di un allenatore, infatti è stato annunciato il nuovo tecnico del Brescia Salvatore Giunta, ex calciatore delle rondinelle, il quale ha convinto la società lombarda a bloccare i trasferimenti del difensore Di Cesare al Bari e del centrocampista Olivera all’Avellino, trattenendo di conseguenza capitan Caracciolo.

Il direttore sportivo del Bologna Pantaleo Corvino continua a trattare per portare alla corte di mister Lopez i doriani Gastaldello e Krsticic, per i quali sono stati fatti passi avanti nelle ultime ore. In casa dei felsinei ha rescisso l’attaccante Federico Rodríguez, che andrà al Lugano. Il Catania del patron Pulvirenti, dopo aver ufficializzato l’ingaggio di Mazzotta e Maniero, fa cassa con le cessioni al Boca Juniors di Peruzzi e Monzon, rispettivamente a titolo definitivo e in prestito con diritto di riscatto.

Ufficiale il nuovo colpo del Frosinone Paolo Sammarco, in arrivo dallo Spezia, che si va ad aggiungere al centrocampo ciociaro di mister Stellone. Il Vicenza ha preso il mediano ex Monza Alessio Vita per 18 mesi e la mezzala Antonino Culina. In uscita dai biancorossi Bastianoni direzione Livorno. Si sta sviluppando in questi istanti un maxi-scambio tra Bari ed Entella, che porterebbe ai pugliesi il difensore Leandro Rinaudo e in cambio in liguria il difensore Ligi e l’attaccante scuola Lazio Rozzi.

Il Latina ha ufficializzato Oduamadi in prestito dal Milan, mentre il Trapani è vicino a mettere a segno il colpo Perticone, odierno difensore del Novara. Lo Spezia è ai dettagli per il centrale difensivo del Brescia Coly e il Crotone ha finalmente reso ufficiale l’acquisizione del portiere Stojanovic. Il Lanciano, reduce dalla sontuosa vittoria col Catania, ha ottenuto il prestito dalla Juventus dell’esterno Elio De Silvestro.

Leggi anche –> Calciomercato Serie B: Trattative ed Affari Conclusi (20 gennaio 2015)

Leggi anche –> Calciomercato Pescara, Andrea Rossi: “Meglio di Avellino”