CalcioScommesse: Catania-Avellino, Ascoltato Fabbro

Il polverone alzato dal presidente del Catania Antonino Pulvirenti ha ovviamente coinvolto molte società di Serie B. Tra queste c’è l’Avellino di Walter Taccone, protagonista di una delle partite sotto inchiesta, quell’1-0 del “Massimino” datato 29 marzo 2015.

Quest’oggi, ad essere interrogato dalla Procura Federale è stato Alessandro Fabbro, ex difensore dei lupi attualmente svincolato. Il giocatore, come molti ricorderanno, fu autore del contestato fallo su Emanuele Calaiò, che provocò il rigore, poi trasformato dallo stesso attaccante napoletano, che decise la partita. L’odierno bomber dello Spezia sarà ascoltato nella giornata di domani, al fine di chiarire altri aspetti oscuri della vicenda.

Oltre al centrale difensivo originario di Cormons, sono stati ascoltati Riccardo Fiamozzi (giocatore del Pescara, all’epoca in forza al Pescara), Andrea Barberis (calciatore del Crotone, ex Varese), Jens Janse (calciatore della Ternana) e, per finire, Marco Moscati (centrocampista del Livorno), espulso domenica proprio nel secondo tempo della gara con i Lupi.

 Leggi anche :

Video – Quando De Vito disse a Catania: “Se parlo mi squalificano 10 anni”

Calcioscommesse Catania, i nomi degli Arrestati