Catania-Avellino 1-0, le pagelle dei lupi

CATANIA-AVELLINO 1-0, LE PAGELLE: Terza sconfitta consecutive per i lupi di Massimo Rastelli, arrivata allo stadio Massimino di Catania, contro il team di Dario Marcolin in serie negativa da otto partite. Decide la sfida un gol su calcio di rigore di Emanuele Calaiò, concesso generosamente dall’arbitro Baracani di Firenze per un presunto fallo di Fabbro. Nella ripresa Avellino all’arrembaggio, ma un super Terracciano si oppone prima a Soumarè e poi a Castaldo ed i lupi non riescono a trovare il pari.

Ecco le pagelle dei biancoverdi:

FRATTALI 6: Poco impegnato, e questo la dice lunga sull’andamento della partita. Spiazzato sul calcio di rigore, bravo e sicuro nelle uscite;

PISACANE 6: Guida la difesa biancoverde con la solita grinta, il Catania si rende pericoloso soltanto in contropiede nella ripresa con l’Avellino lanciato in attacco alla ricerca del pari;

FABBRO 5,5: Calaiò fa il bello e il cattivo tempo in attacco. Impossibile colpevolizzarlo per il calcio di rigore, il fallo sull’attaccante etneo lo ha visto soltanto l’arbitro;

CHIOSA 6: Altra buona prestazione, è sempre più una sicurezza là dietro;

REGOLI 5,5: Poca spinta sulla fascia destra, nella ripresa viene sostituito;

ARINI 5,5: Sovrastato a centrocampo, non riesce a far partire l’azione dell’Avellino. Gli avversari arrivano prima di lui su ogni pallone, esce nella ripresa, stremato;

KONE 5,5: Perde molti palloni pericolosi a centrocampo, appare distratto e poco convinto dei suoi mezzi;

SCHIAVON 6: Inoperoso a centrocampo, come i suoi compagni soffre il palleggio dei giocatori del Catania. Cresce nella ripresa;

BITTANTE 6: Qualche buona sgambata sulla fascia, ma come il suo compagno Regoli non riesce a mettersi in mostra;

SOUMARE 6,5: Il migliore dei suoi, l’uomo più pericoloso dei lupi. Peccato per la poca precisione sotto porta, avrebbe meritato il gol;

COMI 5: Doveva far dimenticare l’assenza di Trotta, non ci riesce. Ha un’unica occasione per timbrare il cartellino ma la spreca malamente, invisibile per il resto della partita;

CASTALDO 6: Entra in campo per dare una svolta alla gara, fa quel che può ma non incide. Terracciano è miracoloso su un suo colpo di testa a botta sicura;

ZITO 6: Entrato nella ripresa, dal suo piede partono molti cross dentro l’area di rigore e crea scompiglio nella difesa avversaria;

MOKULU: s.v.

TUTTO SU CATANIA-AVELLINO