Cittadella-Avellino, Fabbro su Facebook: “Grazie Ragazzi”

L’Avellino questa sera ha dato spettacolo nella vittoria per 2-1 ai danni del Cittadella. La squadra biancoverde è riuscita ad esprimersi ad un livello molto alto che ha riempito di gioia gli occhi dei tifosi. Tuttavia il risultato è stato in bilico fino all’ultimo secondo e la partita ha regalato emozioni forti nei minuti finali. L’Avellino è rimasto totalmente chiuso nella propria metà campo a difendere il risultato a denti stretti, con il Cittadella che tentava l’assedio. Alla fine i lupi sono riusciti a mantenere il vantaggio e a spuntarla, ma con quanta sofferenza. Al fischio finale dell’arbitro tutti i tifosi irpini sono esplosi in un urlo di liberazione, a seguito di un match che ha fatto battere forte i cuori dei sostenitori biancoverdi. A tifare per l’Avellino da lontano c’era anche Alessandro Fabbro, che non ha potuto essere della partita a causa di un infortunio.

fan page alessandro fabbro

Il difensore biancoverde, non convocato per la trasferta di Cittadella, ha voluto fare i complimenti ai suoi compagni di squadra per la vittoria tramite i social network. Prima su Twitter e poi con uno stato su Facebook tramite la sua fanpage ufficiale, Fabbro ha voluto condividere con i suoi fans le sue sensazioni. Una partita ricca di emozioni anche per lui, nonostante fosse rimasto a casa. “Grazie Ragazzi“, queste le parole di “The Wall”, a testimonianza dell’unione che c’è nel gruppo di Rastelli. Fabbro, che sta ricevendo moltissimi mi piace alla sua pagina ufficiale in queste ore, dovrebbe tornare in campo contro il Palermo domenica, per trasformarsi insieme ai suoi compagni di squadra in dei veri e propri leoni.

Ecco lo stato di Alessandro Fabbro:

Alessandro Fabbro Facebook

TUTTO SU CITTADELLA-AVELLINO

Leggi anche –> Avellino, Fabbro felice per la vittoria su Twitter

Leggi anche –> Cittadella-Avellino 1-2, le pagelle dei lupi: Galabinov strepitoso

Leggi anche –> Cittadella-Avellino 1-2, Video Gol e Highlights

Leggi anche –> Cittadella-Avellino, Rastelli: “Abbiamo sfatato un altro tabù”