Compagnoni ad Avellino-Calcio.it: “Il Derby con la Salernitana da tripla”

“Rete! Rete! Rete”: riconoscerete sicuramente l’esclamazione del telecronista di Sky Sport Maurizio Compagnoni, ad ogni gol realizzato di una partita commentata da lui. Sarà proprio il noto giornalista televisivo a raccontare il prossimo derby di Serie B Salernitana-Avellino, in programma domenica 6 settembre alle ore 15:00. Lo abbiamo intervistato in esclusiva ai microfoni di Avellino-Calcio.it e ci ha presentato la partita dell’Arechi:

Salernitana-Avellino, sarai tu a commentare il derby sui canali Sky Sport. Ne hai viste e raccontate di partite spettacolari, questo è un match di Serie B, ma che meriterebbe ben altri palcoscenici…

“Hai ragione Aldo, mi aspetto uno stadio caldissimo, ci sarà grande entusiasmo. Conosco il pubblico della Salernitana, in passato ho commentato alcune partite dei granata in Serie A. Mi ricordo uno stadio fantastico, c’era Oddo in panchina, per sfide come Salernitana-Inter e Salernitana-Juventus l’Arechi era un inferno. Così come conosco anche l’Avellino, i suoi anni in Serie A, dove faceva tremare le grandi. L’anno scorso venni al “Partenio-Lombardi” a commentare Avellino-Bari, la Curva Sud biancoverde è impressionante. Mi aspetto il pubblico delle grandi occasioni, e ci sarà”.

Derby non solo il campo ma anche sul mercato: la Salernitana si è scatenata, l’Avellino ha preso Tavano e trattenuto Trotta. Chi si è mossa meglio tra le due?

“Difficile dirlo. L’Avellino ha preso calciatori di tutto rispetto. Mi piace Milan Nitriansky, terzino destro che promette davvero bene, è ancora giovane ed ha già giocato in squadre importanti come lo Slavia Praga. Poi c’è Bastien, ragazzino arrivato dall’Anderlecht, ha tutto da dimostrare ma sappiamo che dal vivaio della squadra belga sono venuti fuori grandi talenti internazionali. Mi piace la politica della dirigenza biancoverde, che punta su calciatori di prospettiva che potrebbe rivelarsi dei potenziali crack. La Salernitana invece ha puntato più su giocatore di nome che conoscono la categoria”.

Il colpo dell’Avellino è stato Ciccio Tavano dall’Empoli. Nonostante l’età può ancora fare la differenza…

“Secondo me in Serie B può ancora fare la differenza, dovrà essere bravo Tesser ad utilizzarlo nel modo giusto, affiancandolo ad un attaccante che faccia il lavoro sporco e lui potrà sfruttare le sue doti tecniche vicino alla porta. Può fare grandi cose”.

Ed il suo compagno di reparto sarà Marcello Trotta. Possiamo dire che trattenerlo è stato un vero colpo di mercato. Dove può arrivare l’Avellino con questa coppia d’attacco, senza dimenticare Luigi Castaldo che rientrerà a dicembre dopo la squalifica?

“Tavano-Trotta è una coppia da Serie A. L’attacco è esplosivo, è da top team. Certo, è presto per parlare perché ancora deve iniziare il campionato, ma basterà trovare gli equilibri giusti e ad Avellino quest’anno i tifosi si divertiranno. D’altronde Avellino è una piazza che merita la Serie A, l’anno scorso è sfuggita solo per quella sciagurata traversa di Castaldo. Quest’anno è una candidata seria per la promozione”.

Che partita sarà domenica? Dacci un tuo pronostico.

“I pronostici a inizio campionato sono difficilissimi, ed il derby è sempre una partita da tripla. Ci saranno tanti fattori che incideranno, come il caldo, ci saranno trenta e passa gradi. Poi sarà la prima giornata e le squadre non sono ancora amalgamate. Vincerà chi metterà più grinta sul terreno di gioco”.

Avellino protagonista di un cambio alla guida tecnica quest’anno, da Rastelli, che ha fatto benissimo in biancoverde, a Tesser tecnico esperto e di categoria…

“È un peccato che non ci sia più Rastelli, ha svolto un lavoro fantastico ad Avellino. L’anno scorso meritava la promozione. Tesser a livello di Serie B è uno dei migliori allenatori in circolazione, uno che non tanto tempo fa è risucito a trascinare il Novara dalla Serie C alla Serie A in due anni. Farà bene e potrebbe anche migliorare il risultato della passata stagione”.

La favorita per la promozione?

“Senza dubbio il Cagliari, proprio con Massimo Rastelli in panchina. Ha una rosa nettamente superiore alle altre, ma i pronostici sono fatti per essere capovolti…”.

Intervista realizzata da Aldo Pio Feoli

TUTTE LE NOTIZIE SU SALERNITANA-AVELLINO

Leggi anche: