Conferenza stampa presentazione Peccarisi e Soncin (Live)

E’ in corso proprio in questi minuti la conferenza stampa allo stadio Partenio-Lombardi per la presentazione dei due neo acquisti dell‘Avellino Calcio, Maurizio Peccarisi e Andrea Soncin, ufficializzati dal sito della società irpina proprio oggi, con un doppio comunicato. Sala stampa gremita di tifosi, molto incuriositi di conoscere le parole dei due nuovi biancoverdi.

Peccarisi, difensore 35enne, proviene dall’Ascoli, squadra in cui ha militato per 2 stagioni (2011-2012 e 2012-2013). Per lui all’attivo una lunga carriera tra Reggina, Giulianova, Ancona, Arezzo, Cesena, Torino, Triestina, Rimini e, infine, Salernitana.
Anche l’altro acquisto, Soncin, proviene dall’Ascoli, squadra in cui ha giocato dal 2011, dopo essere stato a Vigevano, Pistoiese, Lanciano, Atalanta, Fiorentina, PadovaGrosseto. Presentazione Peccarisi e SoncinInizia con un quarto d’ora di ritardo (17.13), tra gli applausi scroscianti del pubblico la conferenza stampa: oltre ai due calciatori, presente il ds De Vito.
La conferenza si apre, appunto, con le parole di De Vito: “La società è andata a individuare un giocatore offensivo che potesse rendere al meglio col modulo nuovo.  I due giocatori lo hanno fatto anche l’anno scorso a Ascoli. Sono dei giocatori di esperienza e di categoria, non dobbiamo avere il consenso dei tifosi o della piazza, non siamo in campagna elettorale. Questi due giocatori possono far crescere la squadra, abbiamo quasi completato l’organico. Se ci sarà bisogno interverremo ancora sul mercato. Inoltre, ringrazio i tifosi per la cornice che ci avete riservato domenica contro il Monza”. 

17.17, prende la parola Peccarisi: “Per me è un piacere venire ad Avellino. Conosco questa piazza e il calore che può dare, siete gente di calcio. Penso che l’Avellino meriti delle grosse soddisfazioni. Ho sentito dal ds De Vito che c’è un progetto importante e se si vuole far bene dobbiamo tenere i piedi per terra, l’umiltà è la prima cosa. Vi prometto il massimo impegno, bisogna buttare il cuore oltre l’ostacolo e onorare la maglia. Conosco il Mister, si fa seguire dai giocatori. Mi metto in coda alla fila degli altri giocatori e sarò ai suoi comandi. Siamo una squadra e le sue direttive sono legge. Per assurdo ho più motivazioni ora che quando ero ragazzo, mi sento ancora in forma, credo di aver raggiunto la maturità calcistica e ho una grande voglia”.

17,22: è il turno di Andrea Soncin, che chiude la conferenza stampa visibilmente commosso: “Sono felicissimo di essere qui, ringrazio i tifosi dell’Ascoli che mi hanno sostenuto per 5 anni. Sono rimasto contagiato dall’entusiasmo che c’è qui, è stata una trattativa velocissima, non potevo dire di no ad Avellino. Ringrazio il direttore e il Presidente per quest’opportunità. La Serie B è dura e difficile, ci vuole coesione tra squadra, società e tifoseria. Con Biancolino ci siamo incrociati spesso da avversari”. Scherzando, inoltre, afferma: “ho vinto più io di lui”.
Si rivolge, inoltre, al Ds dell’Ascoli“Non voglio entrare in polemica con nessuno, non faccio l’attore, faccio il calciatore. Tutti quelli che sono stati ad Ascoli sanno come mi impegno. Sono stato lì 20 giorni senza contratto, ora sono qui e questo è importante. PENSO SOLO ALL’AVELLINO. Ho segnato molto ad Avellino, spero che questo campo continui a portarmi bene. Trovare un’accoglienza così fa piacere. In B non bisogna abbassare la guardia, noi eravamo praticamente salvi e nessuno pensava alla retrocessione l’anno scorso. Poi è bastato un momento di difficoltà: quando avevamo l’obiettivo in pugno abbiamo fallito”.