Crac Salernitana, l’ex presidente Aliberti condannato a 4 anni

Ha del clamoroso la notizia bomba esplosa in casa Salernitana. L’ex presidente dei granata Aniello Aliberti è stato arrestato e condannato a 4 anni e 3 mesi di reclusione. L’artefice del fallimento del cavalluccio, datato 2004/05, ha subito gli effetti della sentenza emessa dai giudici della seconda sezione penale di Salerno, che hanno avuto tra le mani il caso sin dall’inizio e ora, a un decennio di distanza, hanno punito in maniera esemplare il patron della “vecchia” Salernitana.

L’ex numero uno dei campani non è l’unico ad essere stato inserito nella lista dei “cattivi” dei magistrati: infatti, oltre ad Aliberti, sono stati condannati anche Del Mese (3 anni), Collini (3 anni), Raia (2 anni e 6 mesi), Arcerito (2 anni e 8 mesi), Mariniello (2 anni e 4 mesi), Borgo (2 anni e 2 mesi) e Giordano (2 anni).

Sono stati assolti, invece, Pacifico, Salvatore Generoso, De Prisco, Carilio, Aliperta, Romanelli e Maraniello, per non aver commesso il fatto.

Leggi anche –> Serie B su Pes 2016: la Salernitana è Verde con un’Aquila