Cremonese-Avellino 3-1: i lupi recriminano per gol annullato ad Asencio

Ecco le pagelle dei biancoverdi schierati stasera allo Zini da Novellino

Termina 3-1 l‘incontro tra Cremonese e Avellino, ma i lupi recriminano per un gol ad Asencio al ’90 che avrebbe potuto cambiare il risultato finale. Vediamo le pagelle di questa seconda giornata di campionato serie B 2017/2018.

Lezzerini 5,5: non esente da colpe, per entrambi i gol. Con il pallone che attraversa tutta l’area di rigore, il portiere deve farsi rispettare.

Laverone 6: cerca di spingere il più possibile, è l’unico che riesce a crossare la palla in area.

Suagher 6,5: tra i migliori in campo, puntuale negli interventi, cerca anche di far ripartire la manovra.

Migliorini 6: si limita a svolgere il proprio compito senza sbavature.

Rizzato 5,5: poco attento in fase difensiva, non gli riesce la diagonale sul primo gol e finisce per buttarla dentro la sua porta con un intervento goffo. Nessun cross dal suo piede.

Lasik 5: un po’ spaesato, non riesce a incidere in fase offensiva ed è confusionario in fase difensiva;

Dal 53′ Castaldo 5: non incide sulla gara. Ha una sola occasione nel finale ma la butta fuori da buona posizione.

Paghera 5,5: solito interdittore, cerca di spezzare il gioco avversario e far ripartire quello dei lupi senza però riuscirci.

Dal minuto 84 Asencio 6: si vede annullare il gol del 2-2 apparso a tutti regolare…Novellino, di fatti, a fine partita si reca a rivolgere una breve critica all’arbitro.

Di Tacchio 5,5: cerca di alzare la diga a centrocampo con le buone e le cattive, non riesce però a mettere ordine

Molina 4,5: evanescente ogni volta che tocca palla, non gli riesce nulla. Delusione.

Morosini 6,5: ancora non al centro dei meccanismi di attacco, mostra indubbie qualità ed il bel gol ne è la prova; va atteso con fiducia.

Camara 5 dal 62′: appena entrato si fa subito ammonire, non riesce ad incidere.

Ardemagni 5,5: cerca di svariare su tutto il fronte d’attacco ma è poco servito e si vede poco.

Novellino 5: il modulo non convince, soprattutto se poi si prova a cambiare tutto in corso d’opera poiché in svantaggio.