Crotone-Avellino, l’Ad Vrenna: “Basta sviste arbitrali”

L’amministratore delegato del Crotone Gianni Vrenna ha esternato alcune precisazioni sulle sviste arbitrali che avrebbero penalizzato la squadra rossoblù. Durante la gara di campionato contro il Varese, persa per 2-0, il Crotone ha recriminato per un rigore non concesso dall’arbitro e per averlo invece assegnato ai lombardi. Ecco le parole dell’Ad apparse sul sito ufficiale della squadra: “Sono molto amareggiato! Ieri a Varese abbiamo subito errori tanto evidenti e, per certi versi, clamorosi da parte degli arbitri che ci hanno penalizzato ai fini del risultato. E’ nello stile del Crotone essere sempre corretti e rispettosi nei confronti della classe arbitrale ma il nostro fair-play non deve essere interpretato come accondiscendenza verso una situazione che ci vede fortemente sfavoriti. Nello specifico, mi riferisco al rigore non concesso al 12° minuto del primo tempo, quando il difensore del Varese Laverone ha stoppato la palla con il braccio, in piena area di rigore, ostacolando l’intervento di Bidaoui. Due minuti dopo, invece il signor Bruno ha assegnato il penalty ai nostri avversari per un fallo di mani di Abruzzese, sebbene il nostro difensore avesse entrambe le braccia dietro le spalle, come si può ben notare attraverso le inquadrature televisive“.

Torromino Crotone

Ma non è finita qui: al 17° minuto la squadra reagisce alla grande e trova subito il pareggio con Del Prete ma, anche in questo caso, l’arbitro, sicuramente non aiutato dal suo assistente, annulla la rete per un fuorigioco inesistente; passano altri due minuti e Ely sgambetta in area Bidaoui lanciato a rete, altro rigore non assegnato. Nella ripresa ci sono stati almeno altri due nitidi episodi nell’area del Varese con protagonista il nostro Cataldi: prima messo giù da Damonte che gli aggancia il piede destro (al 13° minuto), e poi viene atterrato da Blasi (al 25°). In entrambe le circostanze non c’è stato alcun provvedimento da parte dell’arbitro. Infine, al 44° il portiere di casa Bastianoni manda in corner un tiro di Boniperti ma non viene concesso il calcio d’angolo“.

Vrenna ha poi concluso così: “Mi auguro che non vi siano altre ‘sviste’ arbitrali che potrebbero danneggiare la mia squadra e la regolarità del campionato“.

Una lamentela dura nei confronti della classe arbitrale. Nella prossima giornata di campionato l’Avellino dovrà andare a giocare in terra calabrese, e troverà sicuramente una squadra rabbiosa e in cerca di riscatto.

TUTTO SU CROTONE-AVELLINO

Leggi anche –>  Crotone-Avellino, le info sui biglietti

Leggi anche –> Crotone-Avellino, squalificati Fabbro e Schiavon