De Vito rientra da Milano con Paolo Vecchia, dirigente del presente e del futuro

Dopo la due giorni milanese trascorsa all’Hilton (mercoledì e giovedì), nel quartier generale del calciomercato 2013, il direttore sportivo dell’Avellino, Enzo De Vito, è rientrato alla base.

Al suo fianco Paolo Vecchia, giovane dirigente del club irpino (da non confondere con il team manager Christian Vecchia) già da diverse stagioni nello staff biancoverde. Prima come dirigente accompagnatore degli Allievi, poi come segretario del settore giovanile ed infine come responsabile del vivaio irpino.

Non a caso, De Vito ha voluto portarlo con sè a Milano, nel cuore delle trattative e nel gotha del calcio italiano. Il giusto riconoscimento per un professionista che ha studiato per svolgere questo ruolo, abituato a lavorare nell’ombra, senza apparire (volutamente) in tv o sui giornali.

hilton

 

Paolo è uno che ad Avellino è nato e cresciuto, conosce bene l’ambiente ed è stimato da chi, in questi anni, ha avuto il piacere di rapportarsi con lui: i giovani lupacchiotti (prima degli Allievi poi della Berretti), i genitori degli stessi ragazzi cui affidano i propri figli, i dirigenti delle tante squadre affrontate in questi anni nei campionati giovanili, gli avellinesi (amici e non) che conoscono la sua passione sin da quand’era piccolo.

paolo vecchia dirigente

Passione che, unita alla professionalità, alla competenza e all’esperienza maturata in questi anni, hanno portato meritatamente Paolo Vecchia nel giro della prima squadra. Fianco a fianco con il direttore sportivo Enzo De Vito nel gestire le trattative per allestire la formazione Primavera (che con la serie B tornerà), ma anche per il nuovo Avellino. Di sicuro, Nando Del Gaudio, colui che l’ha svezzato, sarebbe orgoglioso di lui.

LEGGI ANCHE -> Avellino, Settore Giovanile: con la B torna anche la Primavera