Diatriba Foti-Taccone sullo stadio Partenio-Lombardi: la società chiarisce

L’Avellino continuerà a giocare gli incontri casalinghi nella sua tana, lo stadio Partenio-Lombardi. Ad assicurarlo è il Presidente della società biancoverde Walter Taccone, che ha precisato di aver incontrato il sindaco di Avellino, Paolo Foti, per gli ultimi adempimenti burocratici. L’impianto situato in via Feola, costruito da Costantino Rozzi, è di proprietà del Comune di Avellino e dato in gestione alla società A.S. Avellino. Nei giorni scorsi, il Comune di Avellino ha affermato di avanzare una morosità nei confronti della società biancoverde di circa 300 mila euro, in base alla convenzione per la gestione dell’impianto.

Ad inizio stagione il debito della società nei confronti dell’Ente comunale ammontava a circa 280 mila euro. Ulteriori spese sono poi state sostenute dalla società biancoverde, per consentire alla stadio di essere a norma e permettere ai Lupi l’iscrizione alla serie cadetta, con un progetto di restyling presentato dall’architetto Vincenzo Maria Genovese. Tale progetto, iniziato a giugno 2013 e terminato dopo un mese, ha concesso l’adeguamento dei sistemi di videosorveglianza, la tinteggiantura degli spalti e l’installazione di nuovi tornelli, oltre a portare la capienza della struttura a 10215 spettatori. Inoltre, ulteriori spese dovute al manto erboso e al drenaggio saranno necessarie questa stagione.

Leggi anche ->Il Partenio Lombardi cambierà ancora: sarà uno stadio all’avanguardia

Leggi anche ->Nuovo Stadio Partenio-Lombardi: proseguono a ritmo serrato i lavori (Foto)