Ecco chi è Roberto Soriano, giovane di origini irpine

E’ nato in Germania ma è italianissimo, per di più di origini irpine. Sta impressionando tutti il giovane Roberto Soriano, centrocampista della Sampdoria autore di una doppietta nella sfida di oggi tra i blucerchiati e l’Hellas Verona. La sua è una storia che inizia a Darmstadt (una grande città dell’Assia), nel 1991. Soriano è figlio di emigranti campani, trasferitisi in Germania per trovare lavoro come molti italiani a quel tempo. Suo nonno emigrò in terra tedesca, e così fecero anche i suoi genitori, presenti quest’oggi al “Luigi Ferraris” di Genova. La sua famiglia è originaria di Sperone, paesino della Bassa Irpinia in provincia di Avellino. Un piccolo comune di circa 3000 abitanti che ha sfornato un grande talento.

La carriera di Soriano inizia proprio a Darmstadt, dove si avvicina al calcio fin da piccolo, insieme a suo fratello Elia, di due anni più vecchio. Giovanissimo, viene notato dal Bayern Monaco, che decide di tesserarlo. Inizia la trafila nelle giovanili della squadra bavarese nel 2006 (all’età di 15 anni). Resta a Monaco fino al 2009, quando, diventato maggiorenne, viene riportato in Italia dalla Sampdoria, che lo aggrega alla formazione primavera. L’anno successivo viene girato in prestito all’Empoli in Serie B. Dopo un solo anno, la Samp (appena retrocessa in Serie B), lo riporta alla base. Riesce a conquistare la promozione in Serie A con la formazione genovese e viene confermato anche nella massima serie. Alla sua terza stagione in maglia blucerchiata, è diventato protagonista della squadra di Sinisa Mihajlovic, dove si sta ritagliando uno spazio importante.

Dal 2007 viene anche convocato dalle nazionali giovanili azzurre. Nonostante sia nato in Germania, infatti, Soriano ha scelto la nazionalità italiana. Ha giocato nell’Under 17, nell’Under 19 e nell’Under 21, diventando uno dei prospetti più interessanti del calcio italiano. Come ultima soddisfazione, è arrivata anche la chiamata di Cesare Prandelli, per lo stage in maglia azzurra svoltosi dal 10 al 12 marzo al centro sportivo “Giulio Onesti” di Roma.

Leggi anche –> Avellino, gli attaccanti non segnano più

Leggi anche –> Statistiche Avellino, nel girone di ritorno media da retrocessione