Entella-Avellino, alla scoperta dei prossimi avversari dei Lupi

Domenica alle ore 17:30 l’Avellino sarà di scena a Chiavari per sfidare la Virtus Entella. Approfondiamo il profilo del prossimo avversario dei Lupi.

Nata nel 1914 come Entella Foot Ball Club, la prima squadra della cittadina ligure prende il nome del fiume locale. Ci penserà Enrico Sannazzari, nel 1920, a proporre la maglia a strisce biancocelesti, ispirata alla divisa della nazionale di calcio Argentina, paese in cui il Sannazzari aveva vissuto. Nonostante ciò, l’Entella continuò ad utilizzare per un po’ di tempo delle maglie nere, poiché i colori bianco e celeste stingevano facilmente.

Nel corso della sua storia, l’Entella ha sempre giocato tra le serie dilettantistiche e la Serie C, ma è nella stagione 1985 – 1986 della Serie C2 che spiccano, tra i nomi della rosa, quelli del centrocampista Luciano Spalletti e dell’allenatore Giampiero Ventura, oggi rispettive guide tecniche della Roma e della Nazionale Italiana. Rifondata nel 2002, la squadra assume l’attuale denominazione di “Virtus Entella”, mentre la stagione più importante per il club ligure è la 2013 – 2014, quando la squadra di Luca Prina centra una storica promozione in Serie B, riuscendo, successivamente, a mantenere la categoria con non pochi patemi.

Nel campionato scorso l’Entella, guidata da Alfredo Aglietti, si rende protagonista di un’ottima stagione, terminando al nono posto in classifica con ben 64 punti, concorrendo fino alla fine per un posto per i play off promozione. Tale gestione Aglietti è stata anche caratterizzata dalle ottime prestazioni dell’attaccante Francesco Caputo, tra i migliori elementi della rosa biancoceleste, autore di 17 reti.

Quest’anno l’Entella si presenta alla Serie B con un allenatore nuovo: Roberto Breda sostituisce Aglietti accasatosi all’Ascoli, mentre la sua rosa farà a meno di due senatori artefici della promozione: Lorenzo Staiti, passato alla Feralpi Salò in Lega Pro e il capitano Gennaro Volpe che ha appeso le scarpette al chiodo.

Mancano anche, rispetto alla passata stagione, i vari Zanon, Negro, Sestu e Di Carmine, mentre il calciomercato ha portato a Chiavari i trequartisti Majib Ammari dal Latina e Luca Tremolada dall’Arezzo, i difensori Michele Pellizzer e Simone Benedetti, rispettivamente prelevati dal Cittadella e dal Cagliari. A centrocampo l’Entella ha rinforzato il reparto con Marco Moscati dal Livorno e piazzato il colpo Giacomo Beretta dal Milan in attacco.

Rimasti i pezzi pregiati della rosa Aniello Cutolo (che non è stato ceduto al Livorno), il marocchino Jadid e Francesco Caputo, mentre il sogno Antonio Cassano, che ha alimentato le ultime ore di mercato, è rimasto solo una suggestione. L’esordio in campionato della scorsa settimana non è stato positivo per i chiavarini che hanno perso al “Matusa” di Frosinone contro la squadra di Pasquale Marino per 2-0.

Trasferta insidiosa per i Lupi in Liguria, dove l’Entella fa delle mura amiche il proprio fortino: la scorsa stagione, infatti, ben 12 delle 17 vittorie complessive della squadra biancoceleste sono state ottenute in casa, rimediando solamente due sconfitte al “Comunale” e ben sette pareggi.

Leggi anche: