Entella-Avellino, Rastelli: “Muovere la classifica”

Giorno di conferenza stampa in casa biancoverde in vista della sfida di domani pomeriggio Virtus Entella-Avellino. La squadra allenata da Massimo Rastelli partirà per la trasferta ligure quest’oggi, e proprio il mister ha presentato così il match alla vigilia: “L’obiettivo per la partita contro l’Entella è di muovere la classifica e recuperare i punti persi per strada nelle due sfide casalinghe. Tutti sappiamo, a maggior ragione i ragazzi, che abbiamo raccolto di meno di quanto avremmo meritato. Ho chiesto loro soltanto di essere più cinici. Contro il Varese ad esempio abbiamo costruito tanto ma non siamo riusciti a finalizzare”.

Rastelli ha poi proseguito, soffermandosi sull’avversario, la squadra allenata da Luca Prina: “L’Entella può contare su un organico molto forte, costruito per l’alta classifica. Giocatori come Sansovini, Mazzarani e Troiano non si trovano lì per caso. In casa sono molto pericolosi, anche Carpi e Frosinone sono cadute al Comunale. All’inizio hanno un po’ pagato lo scotto della nuova categoria, ma ora si sono adeguati al meglio. Domani sarà una gara piena di insidie, ma noi cercheremo di imporre il nostro gioco”.

Sugli infortuni: “Non mi era mai capitato di avere più giocatori indisponibili che a disposizione. Soumarè è con la squadra quindi è arruolabile, D’Angelo ha fatto una corsettina ieri, dopo che è rimasto fermo per influenza”. Su Castaldo: “E’ normale che in qualche partita possa risultare meno brillante, in un campionato lungo e difficile come quello della Serie B fa parte di un percorso. Ricordiamoci che ad ogni partita fa enormi sacrifici anche in fase di copertura”.

Sull’Atalanta, che i lupi affronteranno mercoledì in Coppa Italia: “L’Atalanta non è la Juventus, ce la giocheremo. Sono felice di vedere Davide Zappacosta a Bergamo, per un allenatore che lo ha seguito fin dall’inizio vederlo giocare in Serie A è un orgoglio”.

TUTTO SU ENTELLA-AVELLINO

Leggi anche –> Virtus Entella-Avellino, arbitra Pezzuto di Lecce

Leggi anche –> Ivan Pelizzoli: “La forza dei lupi è il collettivo”